Investire in un conto deposito? Non conviene più

Nel 1991, in Canada, Ing Direct ha lanciato il primo conto deposito. Uno strumento che, fino a qualche tempo, si è dimostrato un ottimo modo per investire liquidità a breve termine. Ora, però, inflazione e bassi tassi rendono questo prodotto meno appetibile

Denaro Linkiesta
25 Giugno Giu 2018 1430 25 giugno 2018 25 Giugno 2018 - 14:30
WebSim News

Era il 1991 quando, in Canada, l'Ing DIret lanciò il primo conto deposito, uno strumento di investimento diventato con gli anni molto popolare. L'obiettivo dei conti deposito era quella di offrire un prodotto che avesse rendimenti più alti rispetti a quelli del conto corrente, eliminando le infrastrutture del sistema tradizionale.

Grazie allo sviluppo della tecnologia - internet in primis - è diventato col tempo uno strumento molto diffuso. Ma a più di 25 anni dal suo lancio, coviene ancora investire in una soluzione simile?

Continua a leggere su Moneyfarm

Grazie allo sviluppo della tecnologia - internet in primis - è diventato col tempo uno strumento molto diffuso. Ma a più di 25 anni dal suo lancio, conviene ancora investire in una soluzione simile? ​

Potrebbe interessarti anche