L’America mette in crisi la Turchia? Erdogan (coi profughi) la farà pagare all’Europa

Dietro la crisi della Lira, le sanzioni americane per punire le mosse filo-russe di Ankara. L’ultima arma del Reis? I tre milioni di rifugiati siriani ospitati in territorio turco

Erdogan Trump Linkiesta

Gianluigi GUERCIA, Brendan Smialowski / AFP / POOL

11 Agosto Ago 2018 0745 11 agosto 2018 11 Agosto 2018 - 07:45

Cosa si prepara dietro la crisi della Turchia? Il nocciolo della questione, oltre che economico e finanziario, è che la Turchia oscilla spericolatamente tra Est e Ovest come nei momenti più turbolenti della sua storia. Erdogan, il custode di tre milioni profughi siriani, vuole gli F-35 americani ma sfidando le sanzioni Usa a Mosca ordina i missili S-400 di Putin, in concorrenza con quelli del consorzio italo-francese Eurosam, e ha commissionato alla Russia la più grande centrale atomica mai progettata sulle sponde del Mediterraneo (ci lavorano 10mila persone) oltre a puntare a realizzare il Turkish Stream, il gasdotto che con il nome di Southstream i russi volevano realizzare con Eni e Saipem, una pipeline fatta saltare da Bruxelles e da Washington dopo la crisi Ucraina e l’annessione della Crimea nel 2014. Noi ci consoleremo, forse, con il Tap, la pipeline del gas dall’Azerbaijan che il premier Conte ha promesso a Trump.

E così c’è sempre una prima volta per essere sanzionati dall’America, come nel caso della Turchia, membro storico della Nato dagli anni Cinquanta che paga anche sui mercati la sua ribellione agli Usa. In realtà tra Washington e Ankara dal luglio 2016, quando fallì il colpo di stato contro Erdogan, è in corso una sorta di guerra degli ostaggi. Gli Usa ospitano l’imam Fethullah Gülen, ritenuto da Erdogan il capo della sedizione. I turchi hanno ricevuto ripetuti dinieghi alla sua estradizione e molti della cerchia del presidente ritengono che gli Usa abbiano tentato anche da loro un regime change. Ankara da due anni ha messo in carcere e poi ai domiciliari il pastore evangelico Andrew Brunson accusato di terrorismo e complicità con Gülen. Sono quindi stati sanzionati dagli Usa i ministri turchi dell’Interno e della Giustizia, sospese dal Senato le forniture dei caccia F-35 e ristretti i crediti delle istituzioni internazionali.

Risultato: la lira turca, come del resto il rial iraniano, è ai minimi storici sul dollaro. Oggi il triangolo Russia-Turchia-Iran – decisivo per la questione siriana ma non solo – è costituito da Paesi nel mirino delle sanzioni americane. Se poi aggiungiamo i dazi alla Cina si capisce bene che è in atto una sorta di scontro tra gli Stati uniti e l’Eurasia. Fino all’ascesa dell’Akp nel 2002 la Turchia è stata dominata dai laici e dai golpe dei militari poi è toccato ai tradizionalisti e ai religiosi. L’intuizione di Erdogan è stata quella di dare rappresentanza politica a questa Turchia rimasta ai margini diventata protagonista dell’economia con le Tigri anatoliche, le piccole e medie imprese esportatrici, il motore del boom economico ma che quelle più indebitate. C’è poco da scherzare oggi con il debito delle aziende turche: è quasi tutto a breve e coinvolge le banche europee fino al collo, spagnole tedesche, inglesi e italiane. Debiti in dollari ed euro che con la drastica perdita di valore della lira turca costano sempre di più. Persino Erdogan ha dovuto piegarsi ad aumentare i tassi per far comprare i suoi bond sui mercati, pur continuando a tuonare contro le agenzie di rating e la “lobby dei tassi interesse”.

Oggi il triangolo Russia-Turchia-Iran – decisivo per la questione siriana ma non solo – è costituito da Paesi nel mirino delle sanzioni americane. Se poi aggiungiamo i dazi alla Cina si capisce bene che è in atto una sorta di scontro tra gli Stati uniti e l’Eurasia

Il Reìs piace ai nostri sovranisti, meno alla direttrice del Fondo monetario Christine Lagarde, che gli rimprovera di avere messo il guinzaglio alla Banca centrale. Erdogan oggi considera la Lagarde un nemica della nazione alla stregua dei curdi. Eppure questo Paese sarebbe decisamente dell’orbita occidentale. Nel 1952 la Turchia entrò poi a pieno titolo nell’Alleanza Atlantica creata dagli Usa per contrastare la minaccia di invasione dell’Urss. Successivamente a questa scelta gli Stati Uniti schierarono le testate nucleari in Turchia, considerata il bastione sul fianco Sud-orientale e l’avamposto di un eventuale attacco a Mosca. Oggi in Turchia ci sono 24 caserme Nato e i missili Usa puntati sia contro Mosca che contro Teheran, oltre alla base di Incirlik che i turchi concedono agli americani assai di malavoglia. Del resto nel 2003 Ankara si oppose anche al passaggio delle truppe Usa in Iraq. Dagli anni Settanta, inoltre, la Turchia si è impegnata a condividere i principi fondativi dell’Unione Europea e dal 2003 avviato le riforme per chiedere l’adesione ai trattati. Da quegli anni i negoziati hanno subìto diversi rinvii a causa delle resistenze di Germania e Francia.

In realtà la Turchia è stata ipocritamente tenuta nella sala d’aspetto dell’Unione ben sapendo che né Berlino né Parigi avrebbero mai accettato il suo ingresso in Europa. Dal tentato golpe in avanti la Turchia ha dimostrato un evidente allontanamento dal mondo occidentale, soprattutto nel caso della guerra in Siria, costruendo invece proficue relazioni con la Russia e l’Iran. La Russia ha bisogno di un importante alleato come la Turchia per poter avere facile accesso al Mediterraneo, sia in termini commerciali che militari. Inoltre il triangolo Russia-Turchia-Iran è indispensabile per tentare una soluzione della questione siriana. È interessante sottolineare che Mosca e Teheran sono entrambe sotto sanzioni occidentali, questo significa che la Turchia diventa anche uno sbocco per i loro affari.

È l’antico gioco dei Tre Imperi, russo, ottomano e persiano: hanno combattuto tra loro per secoli ma possono darsi una mano quando serve. L’avvicinamento alla Russia e all’Iran potrebbe in futuro allontanare Ankara dalla Nato, per entrare a tutti gli effetti in una opposta coalizione regionale, pur restando tatticamente agganciata all’Alleanza e all’Europa. Lo dimostra la guerra siriana. In un primo momento la Turchia si opponeva alla permanenza di Assad al potere, spingendo per la sua destituzione, poi ha cambiato posizione trovandosi a fianco di Russia ed Iran pur di eliminare un embrione di stato curdo alla frontiera siriana. Ma se Assad comincia l’offensiva contro Idlib, dove sono insediati decine di migliaia di jihadisti, il fronte siriano si incendierà ancora e arriveranno altri rifugiati che hanno una sola via di fuga il Nord e la Turchia. E allora la Turchia tra Oriente e Occidente sceglierà un’unica strada: quella della sopravvivenza.

Potrebbe interessarti anche