20 Agosto Ago 2018 0730 20 agosto 2018

In Turchia provano a diventare green con la turbina che cattura il vento generato dal traffico

Le spinte dei camion e dei bus provocano spostamenti d’aria che fanno girare la turbina eolica collocata ai bordi delle strade. L’idea è carina, ma non cattura proprio tanta energia

Schermata 2018 07 16 A 14

Una turbina eolica verticale piazzata tra le due corsie di una superstrada: questa è l’idea per guadagnare energia dal traffico delle città turche. Un progetto sviluppato dalla Deveci Tech, ancora in fase di sperimentazione, per incamerare elettricità, energia solare (c’è in cima a ogni turbina un piccolo pannello solare), dati sull’inquinamento, sul traffico e sull’umidità della strada.

Il trucco è semplice: quando un mezzo passa vicino alla turbina (soprattutto un veicolo pesante come un bus o un camion) sposta l’aria, generando un vento di breve durata che fa girare la turbina, producendo energia. Secondo le previsioni dovrebbe generare un kilowatt/ora all’ora e darebbe energia per due case. Sembra poco? In efffetti lo è.

Per capire il funzionamento del meccanismo, questo video è chiarissimo.

Come fanno notare alcuni, la resistenza dell’aria di un oggetto come la turbina eolica, così vicino a un veicolo in movimento, è maggiore. Questo porta a un rallentamento del veicolo, che viene compensato senza nemmeno accorgersi dal guidatore, che dà più gas. In sostanza, fa consumare più benzina e aumentare in modo impercettibile l’inquinamento. In altri termini, è un modo per trasferire energia dal carburante (che viene comunque dispersa lungo il percorso a causa di altri elementi, come il vento contrario o la presenza di lampioni) alla rete elettrica locale. Detta meglio, non è energia eolica quella che aziona le turbine, ma energia fossile. Vale la pena? Secondo tanti utenti, sì.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook