21 Agosto Ago 2018 0740 21 agosto 2018

Le cannucce fanno male agli Oceani? Non sappiamo davvero quanto

Ogni denuncia riporta una ricerca condotta da un attivista di nove anni. Magari la cifra è esatta, ma serve un controllo ulteriore

063 980583386
JUSTIN SULLIVAN / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Tutti parlano di cannucce di plastica, quasi tutti le demonizzano ma, in realtà, nessuno ne sa niente. Come fa notare questo articolo di The Outline, non esistono statistiche affidabili sul fenomeno. L’unica cifra che circola, “500 milioni di cannucce usate e buttate ogni anno negli Stati Uniti”, usata anche dal New York Times (ma prima anche da Cnn, Washington Post, Reuters, deriva da una riceca condotta da un attivista ambientalista di nove anni. Sì, un bambino.

Nessuno dubita che possa essere un Mozart delle ricerche statistiche, certo. Il problema è che non si conoscono le sue metodologie, non si sa quante aziende abbia contattato e non è chiaro come abbia calcolato il numero finale. Risultato: non si sa quante cannucce ci siano in circolazione e meno ancora si sa quante cannucce siano nell’Oceano (che poi è quello il problema vero). Bloomberg sostiene che siano 8,3 milioni, ma la ricerca che cita non parla di cannucce. The Atlantic parla del fatturato dei produttori, ma sulla questione si guarda bene dal dare una cifra precisa.

Insomma, si naviga in un mare di incertezza. Intanto, il mare vero viene inquinato di continuo da rifiuti di ogni genere, tra cui enormi quantità spazzatura, combustibile fossile e, come è ovvio, anche cannucce. Chissà quante.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook