24 Agosto Ago 2018 1330 24 agosto 2018

Hai paura di cambiare? Ecco cinque canzoni che ti aiuteranno a farlo

Per cambiare si può partire dalle piccole cose: modificare un'abitudine, cambiare l'ordine delle nostre attività al risveglio, smettere di lavorare un po' prima. Un buon modo per darsi la carica? Cambiare musica. Ecco qualche consiglio

Musica Linkiesta

Siamo abituati a credere che cambiare coincida con l’apportare grosse modifiche alla nostra vita. Cambiare casa, lavoro, amore, cambiare città, cambiare amicizie e insomma cambiare sempre, prima di tutto e spesso faticosamente, qualcosa di esterno alla nostra persona. Tuttavia, lo sappiamo, esistono davvero moltissimi modi di portare il cambiamento nelle nostre vite: a volte semplicemente cambiando qualche piccola abitudine, modificando l’ordine delle nostre priorità al risveglio o dei mobili della nostra casa, cambiare il nostro modo di nutrirci, iniziare a fare movimento fisico, smettere di lavorare prima del solito, ritagliarci tassativamente qualche ora per noi.

Il tema del cambiamento è protagonista o istinto di moltissime canzoni, più e meno note della storia della discografia, e ne abbiamo selezionate cinque qui sotto: affrontano il tema del cambiamento, del tempo, dello slancio verso il futuro o verso l’amore con tocchi di classe ogni volta diversi. Ve le proponiamo e raccontiamo un po’ certi che iniziare cambiando musica sia, in ogni caso, una buona idea!

Changes – David Bowie, 1972

Traccia di apertura del disco Hunky Dory, da molti ritenuto il suo primo capolavoro, Changes è spesso considerata come vero e proprio manifesto della carriera di Bowie che certamente ha fatto della profondità del cambiamento il fiore all’occhiello della propria storia artistica.

Una canzone pop, divertente, con quella vena malinconica che accompagna felicemente ogni riflessione sul futuro e sul passato, sui fallimenti e sulle prove che verranno.

Il futuro è inevitabile e riserva sorprese, così come il tempo che passa: tanto vale diventare protagonisti dei cambiamento, prendere quel che sarà con la consapevolezza che il nostro potere è nelle piccole cose non nel determinare quelle grandi.

Time may change me
But I can’t trace time

Il tempo può cambiarmi
ma io non posso determinarne il corso

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook