6 Settembre Set 2018 0730 06 settembre 2018

Il trucco dei soldati americani per addormentarsi in due minuti

Pensato per trovare riposo anche in situazioni estreme (ad esempio durante un combattimento) risulta efficace per il 96% delle persone

DESHAKALYAN CHOWDHURY : AFP

A qualcuno basta appoggiare la testa al cuscino per prendere sonno. Altri, invece, devono girarsi e rigirarsi, aspettare e disperarsi: dormire diventa una fatica. Per loro fortuna esiste un trucco, utilizzato dall’esercito americano in situazioni di stress e scarsa tranquillità (ad esempio un campo di battaglio) che permette di addormentarsi in due minuti. Un toccasana raccontato nel libro Relax and Win: Championship Performance, pubblicato nel lontano 1981 ma tornato alla ribalta da poco.

È molto semplice:

prima di tutto, bisogna rilassare i muscoli facciali. Tutti, compresa la lingua, le mascelle e gli occhi.

Poi far cadere le spalle quanto più in basso possibile. Prima la spalla, poi il braccio e l’avambraccio. Uno per volta.

A questo punto, espirare: in questo modo si rilassa il petto, e subito dopo le gambe a partire dalle cosce e giù a scendere.

Già assonnati? Per dieci secondi bisogna liberare la mente da ogni pensiero. Poi, concentrarsi su una di queste tre immagini: siete su una canoa, su lago calmo e sopra di voi c’è un cielo pulito e cristallino; siete su una amaca nera, di velluto, in una stanza scurissima; voi che dite “non pensare, non pensare, non pensare” a voi stessi per almeno 10 secondi.

Gli esperti assicurano che funziona: il 96% delle persone si addormenta subito. Per ottenere risultati sicuri, però, servirebbe anche un mese e mezzo di pratica. Sempre che non ci si annoi prima.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook