10 Settembre Set 2018 1450 10 settembre 2018

Come trasformare la preoccupazione in una preziosa alleata

Le nuove sfide del mondo del lavoro non vanno affrontate con ansia e stress, ma con lucidità e lungimiranza. Anche perché c’è uno stress positivo che potrebbe dare una mano a risolvere i problemi, anziché a complicare le cose

Preoccupazione Linkiesta
Pixabay

Negli ultimi mesi, c’è una parola che ritorna spesso nel mondo delle aziende e tra i professionisti, questa parola è “preoccupazione”. Le aziende sono preoccupate per i bruschi e turbolenti cambiamenti imposti dall’ennesima rivoluzione, questa volta targata 4.0. Mentre i professionisti non sono sicuri di essere in “regola” con le competenze che serviranno nel prossimo futuro, tra big data, intelligenze artificiali e Internet delle cose. Se questo non bastasse, anche chi si sente al riparo da rischi immediati, si sente preoccupato per i propri figli e per le generazioni future.

Le domande sono più o meno sempre le stesse: cosa devo fare per restare al passo con i progressi della tecnologia? I robot e le intelligenze artificiali mi sostituiranno sul posto di lavoro? Qual è l’indirizzo universitario migliore per i miei figli?

Ogni articolo e ogni pubblicazione in cui viene previsto che, entro i prossimi 20 anni, il 50% dei lavori attuali scomparirà, non fa altro che aumentare il livello di preoccupazione.

Insomma, i dubbi sul nostro futuro lavorativo iniziano ad attanagliare molte persone, a tutti i livelli, dai top manager, fino alle classi più umili.

In questo articolo non vi darò delle soluzioni per stare tranquilli, né tanto meno la conferma che quanto dicono queste ricerche si avvererà, quello che farò è dirvi che se siete preoccupati in qualche modo avete imboccato la strada giusta, a patto però, che la preoccupazione che state vivendo sia quella “giusta”. Cosa significa preoccupazione “giusta” lo scopriremo grazie ad una semplice analisi etimologica di questa parola.

Sono certo che se vi chiedessi di dirmi quali sono le sensazioni che assocereste alla parola “preoccupazione” molti di voi userebbero parole come: ansia, paralisi, stress, paura, indecisione…Insomma lo stato mentale e psicologico che solitamente associamo alla parola preoccupazione non è certo quello giusto per affrontare con lucidità e strategia i cambiamenti proposti da una importante Rivoluzione industriale come quella che tutti stiamo iniziando a vivere.

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook