13 Settembre Set 2018 0725 13 settembre 2018

Studio: le donne non mangiano cibi grassi se con loro c’è un bell’uomo

Un riflesso quasi inconscio, un desiderio di mostrarsi più belle e soprattutto più sane. Gli uomini, invece, tendono a mostrarsi più ricchi

2086641946 8A0ed18704 B
da Flickr, di gail

Patatine fritte o insalatina leggera? Dipende da tante cose. Per le donne, sostiene una ricerca danese pubblicata da Food Quality and Preference, anche dalla compagnia: se si è con un bell’uomo attraente la scelta andrà, in modo automatico, verso l’insalatina leggera.

Lo studio, che ha interessato un campione di donne britanniche, è stato accolto con un certo scetticismo dalle britanniche stesse. “Una assurdità”, dicono. Anche perché lo sanno tutti che “le patatine fritte sono meglio di un bell’uomo”.

Battute a parte, la ricerca vuole dimostrare che “l’attrazione fisica porta a scelte di consumo diverse”. Per influenze culturali, psicologiche, sociali, le donne preferiscono lasciar perdere hamburger e dolci al cioccolato. Mangiare sano, del resto, è il primo dei requisiti richiesti dalla società alle donne per “essere in forma” e tendere “alla perfezione”. Come un riflesso inconsapevole, nel momento della seduzione sceglieranno di mostrarsi “healthy”, mentre gli uomini, invece, cercheranno di essere considerati “wealthy”.

Tutte cose che faranno inorridire coloro che, ogni giorno, combattono gli stereotipi di genere e cercano di diffondere idee e immagini maschili e femminili diverse (o di eliminare tout court la distinzione maschile e femminile). Eppure lo studio si limita a constatare la realtà attuale, che non è certo quella ideale: le donne, di fronte a un bell’uomo, cercano di sembrare più belle. E gli uomini, di fronte a una bella donna, di sembrare più ricchi (e di mostrare capacità di spesa molto ampie).

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook