19 Settembre Set 2018 1722 19 settembre 2018

Le quattro domande da fare al tuo consulente finanziario

Per potervi fidare del vostro consulente dovete avere chiare alcune cose. Scopriamo quali

Fiducia Linkiesta
Unsplash

Il consulente finanziario deve avere una visione globale su vari argomenti, tra cui investimenti e consulenza. Lavora con i clienti per prendere decisioni di investimento, offrendo una consulenza impareggiabile e senza restrizioni per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi creando insieme un piano finanziario.

La prima domanda da fargli è: “sei indipendente?”.

Il consulente potrebbe infatti lavorare per una società di consulenza, in proprio o appartenere a una rete bancaria. Quest’informazione è importante perché serve a inquadrare la situazione e avere, a seconda del caso, un occhio critico in più rispetto alle scelte proposte dal professionista. Un consulente non indipendente potrebbe infatti agire in conflitto di interesse con voi, perché potrebbe dover inserire nel vostro portafoglio solo prodotti commercializzati dall’azienda con cui ha un contratto.

Quali sono le altre domande da fare al tuo consulente finanziario?

Scoprilo su Euclidea

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook