22 Settembre Set 2018 0555 22 settembre 2018

Il Sole cantato in "’O Sole mio" non è quello di Napoli

La canzone, composta a Odessa, sarebbe stata ispirata dalle magnifiche albe del Mar Nero. E dedicata alla vincitrice del primo concorso di bellezza di Napoli (e nemmeno lei era di Napoli)

Sunset Bird Evening Sky Seagul Flight Sea 490511

Non è un segreto: o se lo è, può essere solo un segreto di Pulcinella, considerata la latitudine del tema. “’O Sole Mio”, il celebre brano della canzone napoletana – tanto famosa che fu intonata da Jurij Gagarin durante il primo viaggio nello spazio, o da Giovanni Paolo II, quando era ospite a Ischia – non parla del sole di Napoli. Bensì, di un pallido solicello russo.

È noto: la musica e parole vennero composte nel 1898 a Odessa (ora città dell’Ucraina), dove l’autore, Eduardo di Capua, era in tour con il padre violinista. Preso da nostalgia di casa, cullato dal calore struggente di un’alba sul Mar Nero (che, a quanto pare, non ha nulla da invidiare ai tramonti del Golfo), si ricordò del brano che gli aveva dato Giovanni Capurro, e decise di metterlo in musica. Seguì – dicono i pettegoli – anche l’ispirazione, tutta sublimata, per Anna Maria Vignati-Mazza, anche chiamata “Nina”, vincitrice del primo concorso di bellezza della storia di Napoli (tempi in cui ’o mitù non faceva vittime) e moglie di Giorgio Arcoleo, senatore del Regno.

Sarebbe lei, secondo alcuni interpreti, l’oggetto che sarà illuminato da quel sole più “bello”, più bello ancora di quello di Odessa (non Napoli), che pure splende ovunque, di fronte a tutti (oi né, è esclamazione per dire “ehi tu”), perfino tra i panni stesi, accompagando il canto delle lavandaie. Segno di quel sentimento immenso che, dal cuore dell’innamorato, va a posarsi sul volto dell’amata.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook