26 Settembre Set 2018 1230 26 settembre 2018

Deducibilità fiscale 2018: un‘ occasione da non perdere

Per pagare meno tasse il prossimo anno c’è tempo fino a dicembre. Sfrutta il vantaggio della deducibilità fiscale dei contributi versati aderendo adesso a un fondo pensione

Tasse Linkiesta
Unsplash

La previdenza integrativa è una forma di risparmio fiscalmente agevolata come nessun’altra. Visto lo scopo pensionistico perseguito, lo Stato ne incentiva l’adesione attraverso dei benefici fiscali. Il più importante è quello della deducibilità fiscale dei contributi versati ogni anno al fondo pensione dal proprio reddito dichiarato ai fini IRPEF. Questo significa che quanto versato diminuisce la base imponibile su cui vengono applicate le aliquote previste per scaglione di reddito e di conseguenza si pagano meno tasse.

Perché pensarci adesso conviene ancora di più? Perché quanto versato al fondo pensione entro dicembre 2018 potrà essere dedotto dal reddito dichiarato nel 2019, mentre versando i contributi oltre questo termine questi varranno ai fini della deduzione solo per l’anno successivo. Quanto si può risparmiare? Si possono dedurre fino a ben 5.164,57 euro all’anno. Entro questo tetto, quindi, i contributi versati nel corso del 2018 saranno pienamente deducibili. Da non dimenticare, però, la finalità principale di aderire ad un fondo pensione: costruirsi una pensione integrativa e una sicurezza per il proprio futuro.

Contribuire al fondo pensione entro dicembre consente di pagare meno tasse nel 2019. Il vantaggio fiscale della deducibilità dei contributi per il 2018 scade a dicembre. Approfittane ora!

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire nel dettaglio i vantaggi della deducibilità fiscale 2018 della previdenza complementare

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook