3 Ottobre Ott 2018 0550 03 ottobre 2018

Smettere di pensare a ciò che fanno gli altri vi farà vivere meglio

L'invidia verso chi sta meglio di noi e la voglia di trascinarlo nella polvere mette in circolo un veleno che corrode ogni relazione umana. Non è togliendo a chi ha che ci si arricchisce, bensì costruendo qualcosa di proprio di cui andare fieri

Happy _Linkiesta
Unsplash

Non credo che chi mi sta leggendo sia affetto da questa vera e propria psicopatologia che sta pericolosamente dilagando. Sto parlando di quella nube tossica e maleodorante di rancore, risentimento, ostilità, aggressioni verbali, che come un virus si è propagata dalle menti di tanti alla comunicazione in rete creando un clima irrespirabile per non dire letale. Qualcuno dà la colpa al web e ai social, ma sono sciocchezze: il web e i social possono amplificare, ma l’origine del morbo è nell’attitudine di tanti verso l’esistenza.

A me viene sempre in mente quella perturbante, durissima scena di Game of Thrones in cui Cersei – personaggio shakespeariano se ce n’è uno – viene sottoposta a un pubblico linciaggio – nuda in mezzo alla plebe al grido di Shame! Shame! – da parte di una punitiva setta integralista. Lei è la regina, loro i sudditi che il giorno prima si inchinavano a lei: ma basta che qualcuno la additi alla pubblica riprovazione perché venga allo scoperto la voglia miserabile di trascinare nella polvere chi sta sopra. Non mi metto certo a lanciare appelli alla bontà e alla fratellanza: sono discretamente consapevole di vivere in un mondo dove trucchi e soprusi sono spregevole moneta corrente. Ma quando si comincia a sospettare di tutto e di tutti, quando si parte da una presunzione di colpa, quando si pensa che se qualcuno ha ottenuto qualcosa chissà cosa c’è sotto, allora si mette in circolo un veleno che corrode ogni relazione umana.

Temo che un antidoto universale non esista: ma un po’ di cose a chi ancora non si trova in fase acuta della patologia possiamo dirle. Possiamo dire che non è togliendo a chi ha che ci si arricchisce. Non è vedendo qualcuno cadere che ci si innalza. Non è perché “loro” sono cattivi che tu sei bello e bravo. Non è che la tua esistenza migliora se quella di altri peggiora. Non è che l’oscurità intorno fa brillare te.Abbassare gli altri, godere a vederli in difficoltà, auspicare una notte in cui tutte le vacche sono nere, queste sono soddisfazioni miserabili. Auspicare minori disparità sociali ed economiche, opportunità più diffuse, è sacrosanto: ma un’eguaglianza al ribasso non è la soluzione, un’uguaglianza al ribasso è la vittoria della mediocrità.

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche