11 Ottobre Ott 2018 0555 11 ottobre 2018

Consigli all’opposizione: per battere Salvini imparate da lui come si comunica

Il leader della Lega ha superato anche Beppe Grillo nei social ed è il politico più seguito in Italia. Il suo grande merito è essersi reso comprensibile a tutti. L'opposizione dovrebbe prendere esempio con una comunicazione al passo con i tempi

000 18O022
MARCO BERTORELLO / AFP

È prassi consolidata da parte degli analisti e dei protagonisti della vita politica italiana rimanere imbrigliati nel presente, senza riuscire a immaginare sbocchi e scenari futuri.
Di tanto in tanto, invece, occorrerebbe astrarsi, osservare la commedia politica dall'esterno e provare a ragionare con lucidità. Proviamoci.
Ogni stagione politica nasce, cresce e finisce. Di leader apparentemente indistruttibili, decaduti nel giro di pochi anni, per non dire mesi, la storia politica italiana è piena.
Prendiamo due casi eclatanti, collegati a due periodi precisi. Nel 2008 i partiti legati a Silvio Berlusconi conquistarono il 47% dei voti, ottenendo la bellezza di 518 parlamentari. Chi avrebbe potuto impensierire il Cavaliere? Eppure, a circa un anno da quelle elezioni, iniziarono i malumori e i dissapori con i finiani. Il logoramento fu costante, fino ad arrivare alla caduta del governo e all'insediamento di Mario Monti a Palazzo Chigi.

Facciamo un salto in avanti e arriviamo al maggio 2014. Dopo le Europee, in cui il Pd guidato da Matteo Renzi ottiene il 40,8%, alcuni commentatori si spinsero addirittura a pronosticare l’inizio di un ventennio renziano. Come andò a finire, lo sappiamo già: nel dicembre 2016 i risultati del referendum costituzionale furono impietosi e, alle elezioni Politiche successive, il Pd, nonostante un lavoro corposo e dei risultati per nulla banali, dimezzò i propri consensi e fu (ed è) costretto a cercare un nuovo leader.
Il resto è storia recente. Dopo il 4 marzo 2018 Matteo Salvini, pur arrivando terzo, diventa de facto il leader dell'alleanza giallo-verde tra Lega e Movimento 5 stelle e, dal racconto mediatico di queste settimane, sembrerebbe destinato a rimanere sulla cresta dell'onda all'infinito.

Da pochi giorni Salvini ha superato Beppe Grillo ed è diventato il politico più seguito in Italia, con un totale di 4,9 milioni di fan/follower tra Facebook, Twitter e Instagram. Va certamente sottolineata l’abilità del Ministro dell’Interno nel solidificare uno zoccolo duro di seguaci e nell’essere riuscito ad allargare ulteriormente il proprio campo d’azione

Queste opinioni, queste percezioni, sono fortemente influenzate dalla presenza mediatica, soprattutto social, di Salvini: i livelli di engagement toccati dal Ministro dell'Interno sono pari - se non in certi casi addirittura superiori - a quelli di Trump. Da pochi giorni Salvini ha superato Beppe Grillo ed è diventato il politico italiano più seguito sui social, con un totale di 4,9 milioni di fan/follower tra Facebook, Twitter e Instagram.
Va certamente sottolineata l’abilità del Ministro dell’Interno nel solidificare uno zoccolo duro di seguaci e nell’essere riuscito ad allargare ulteriormente il proprio campo d’azione. Occorre tuttavia ricordare come il consenso salviniano si regge sulla base di altissime aspettative generate in campagna elettorale e alimentate nella fase post-voto. È naturale che, prima o poi, i cittadini chiedano conto della fiducia concessagli.

In questo contesto, le opposizioni hanno il dovere di giocare un doppio ruolo.
Il primo è quello tipico delle minoranze, contrastando (e non incalzando affinché vengano realizzate...) le politiche della maggioranza che considerano errate. A proposito: in questo periodo si sente citare spesso il libro "Non pensare all'elefante” del linguista George Lakoff, e lo si usa come base per criticare chi “fa il gioco degli altri parlando delle loro politiche”. In realtà Lakoff non ha mai detto che è sbagliato criticare le politiche altrui, ma che semmai è giusto costruire un frame proprio e comunicarlo, costringendo gli avversari a giocare sul proprio terreno.
Secondo compito delle opposizioni è quello di proporsi come alternativa valida al governo, avanzando proposte credibili agli occhi dei cittadini. È qui che si gioca la rinascita della sinistra: nella costruzione di una proposta che colga le nuove istanze degli italiani e che indichi una meta attraente ai loro occhi. In poche parole: un nuovo sogno.

Leggiamo sempre più per sommi capi, con un deficit nella comprensione e nell’analisi dei contenuti. Salvini lo ha capito e la crescita della Lega rappresenta, in questo senso, un caso di scuola

In questo senso, bisognerà finalmente prendere atto che il mondo è in continuo cambiamento, soprattutto da un punto di vista comunicativo. Selezionati i temi qualificanti, occorrerà trovare un nuovo modo per trasferirli all’elettorato.
Come ha spiegato sul Guardian Maryanne Wolf - direttrice del Center for Dyslexia, Diverse Learners and Social Justice della Ucla - il nostro cervello, nel corso dei secoli, ha sviluppato dei circuiti neuronali che ci rendono capaci di elaborare le informazioni, dalle più semplici fino ai testi più elaborati. E questi circuiti stanno cambiando, soprattutto per via dell’evoluzione tecnologica: leggiamo sempre più per sommi capi, con un deficit nella comprensione e nell’analisi dei contenuti.
Questa realtà può anche non piacerci, ma bisogna farci i conti e adattarsi, utilizzando linguaggi, specialmente online, che siano sì frutto di elaborazioni profonde, ma facilmente comprensibili ai più. Salvini lo ha capito e la crescita della Lega rappresenta, in questo senso, un caso di scuola.

Dal 2013, anno di elezione del vicepremier alla segreteria, la forma organizzativa del partito non è cambiata, ma è stata modificata l'identità in chiave nazionalista: lo slogan “prima gli italiani” ha preso il posto dello storico “prima il Nord”. Il tutto è stato raccontato attraverso una comunicazione multicanale ben calibrata, con un forte investimento, in termini di produzione dei contenuti e community management, sui social.
Ma, come dicevamo pocanzi, il consenso fortemente liquido deve spingere chi sta all'opposizione a cercare una nuova proposta alternativa e credibile, possibilmente senza farsi ammaliare con provincialismo dalla retorica di leader esteri. E, allo stesso tempo, a prendere atto che la rivoluzione digitale richiede un registro linguistico al passo con i tempi e nuove forme di produzione e distribuzione dei contenuti.
“Adda passà 'a nuttata”, certo. Si può fare in modo che passi più velocemente.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook