12 Ottobre Ott 2018 0555 12 ottobre 2018

Antiabortisti scatenati: ora la legge 194 è sempre più a rischio

Il 13 ottobre manifesta a Milano e Caserta il “Comitato No194” che propone il carcere da 8 a 12 anni per chi pratica l’aborto. Tra i tesserati, c’è anche il ministro Fontana. E ora anche nelle università gli antiabortisti distribuiscono volantini e modellini di feti

Fontana Salvini Linkiesta
(FILIPPO MONTEFORTE / AFP)

Che sia il Papa a tuonare contro l’aborto sembra prevedibile. Che ci sia in Italia una revanche, anche politica, contro l’interruzione volontaria di gravidanza, a 40 anni dall’entrata in vigore delle legge 194, sorprende eccome. Il 13 ottobre a Milano e Caserta il “Comitato No194”, fautore della battaglia per abolire con un referendum la legge del 1978, che avrebbe causato – dicono – un “olocausto dimenticato”, si ritrova di nuovo in piazza. E più forte di prima, ora che ha anche un sostenitore al governo. Tra gli iscritti, il comitato vanta la firma del neoministro per la Famiglia Lorenzo Fontana, che sottoscrisse la tessera nel maggio 2011 a Desenzano in occasione di un evento pro life. L’obiettivo del comitato è abrogare via referendum la 194, sostituendola con una legge che punisce donna e medici con la reclusione «da 8 a 12 anni» (vedi il testo). In piazza, “all’adunata in difesa della vita”, accanto agli antiabortisti tornerà anche Forza Nuova.

Estratto della legge proposta dal “Comitato No194”

Un passo indietro di 40 anni al quale Fontana sembra in realtà lavorare sottotraccia da tempo. Lo scorso febbraio, il non ancora ministro ha partecipato a Verona al primo “Festival per la vita”. E a maggio poi ha preso parte a Roma alla “Marcia per la vita”, in favore dell’abrogazione della legge sull’aborto, insieme al suo compagno leghista (oggi senatore) Simone Pillon, autore di un disegno di legge sull’affido che ha fatto rabbrividire pure i Cinque Stelle. In occasione della nomina a ministro della Famiglia, l’avvocato Pietro Guerini, presidente del “Comitato No194”, fece pubblicamente gli auguri a Fontana, rivendicando l’appoggio in campagna elettorale in favore di Forza Nuova, Lega e Fratelli d’Italia.

E con gli antiabortisti nei palazzi della politica romana, ora sembra rinascere anche il vasto mondo delle associazioni contrarie all’interruzione di gravidanza. Dopo le parole “colorite” (per usare un eufemismo) di Papa Francesco – «abortire è come affittare un sicario per risolvere un problema»17 associazioni da Nord a Sud per la prima volta hanno sottoscritto insieme una lettera di ringraziamento al pontefice. Un fatto unico. Tra i firmatari ci sono nomi come l’“Associazione difendere la vita con Maria” di Novara, che chiede di donare 16 euro per “sostenere il costo del seppellimento di un bambino non nato”. E anche il “Comitato difendiamo i nostri figli” di Massimo Gandolfini, neocatecumenale, padre di sette figli e anima del Family Day. Oltre che la ben nota associazione “Pro Vita”, presieduta da Toni Brandi, amico del leader di Forza Nuova Roberto Fiore e organizzatore del primo “Festival per la vita” veronese a cui ha partecipato il ministro Fontana.

Prima della “Marcia per la vita”, a Roma erano comparsi manifesti che recitavano “L’aborto è la prima causa di femminicidio nel mondo” dell’associazione CitizenGo.

E ora persino negli atenei italiani sta venendo fuori un certo movimento “Universitari per la vita”, che tra i viali dell’Università Sapienza qualche giorno fa ha allestito un banchetto e distribuito volantini anti-aborto e modellini di feti alla dodicesima settimana.

Ma non di soli volantini vivono gli antiabortisti. Anche perché, a vedere i dati del 5 per mille, queste associazioni racimolano ogni anno solo qualche migliaio di euro dai contribuenti italiani: Pro Vita, per fare un esempio, nel 2018 ha superato di poco i 14mila euro.

Ecco che a Ferrara, in consiglio comunale, è stata presentata una mozione a favore delle associazioni di aiuto per le “gravidanze difficili”. E qualche giorno prima, il 5 ottobre, a Verona, è stata approvata una mozione di matrice leghista (ma votata anche da una esponente Pd) per elargire fondi alle associazioni che portano avanti iniziative contro le interruzioni volontarie di gravidanza. E con la benedizione del vicepremier Matteo Salvini, la città veneta ospiterà presto il tredicesimo World Congress of families, il cui portavoce russo è tale Alexey Komov, nome già noto nei congressi della Lega Nord, oltre che presenza fissa di diversi incontri organizzati da Pro Vita. Komov va e viene da Rovereto (dove Pro Vita ha sede) e Verona. L’ultima volta, il 7 giugno, ha tenuto una relazione dal titolo “La famiglia, pilastro del welfare e motore di sviluppo”.

Il tutto proprio mentre la 194, con il 70% dei ginecologi italiani che si dichiarano obiettori e solo il 40% degli ospedali che garantisce la possibilità di praticare l’aborto, andrebbe rispettata e potenziata, più che affossata. I consultori, primo passaggio per le donne intenzionate ad abortire, sono solo in media 1,5 ogni mille abitanti. E in alcune regioni si scende ben al di sotto. Un database con gli ospedali che non fanno l’interruzione di gravidanza non esiste. L’aborto farmacologico con la pillola Ru486, che farebbe risparmiare traumi alle donne e soldi (non pochi) allo Stato, è praticato al lumicino. E alla fine ancora molte donne sono costrette a emigrare da una regione all’altra per veder rispettata una legge di 40 anni fa. Che ora in tanti vorrebbero addirittura abrogare.

Potrebbe interessarti anche