Sviluppo sostenibile
26 Ottobre Ott 2018 0553 26 ottobre 2018

La terra è allo stremo, e le soluzioni si chiamano agricoltura sostenibile ed economia circolare

I nitrati, lo spreco di energia, lo sfruttamento del terreno. Si configura uno scenario preoccupante dal punto di vista della sostenibilità del pianeta. Ma la soluzione deve venire dalla politica

Crop_Circles

Pubblichiamo uno stralcio dell’intervento tenuto da Corrado Clini (già ministro dell’Ambiente, oggi docente di Scienze ambientali alla Tsinghua University di Pechino) a Watec Italy 2018, la Conferenza internazionale sull’acqua che si svolge a Cremona dal 24 al 28 ottobre

In linea di principio, l’agricoltura sostenibile è “la produzione di cibo, fibre o altri prodotti vegetali o animali senza compromettere l’ambiente, la salute pubblica, il benessere degli animali e la redditività economica, nonché l’equità sociale ed economica”.
La combinazione di tutti questi obiettivi richiede un complesso equilibrio tra tutte le parti coinvolte nei sistemi alimentari: singoli coltivatori, trasformatori alimentari, produttori di additivi chimici e biologici, distributori e rivenditori, consumatori, livelli di governo locale, nazionale e multilaterale.

Inoltre, la crescente domanda globale di cibo da una parte, il cambiamento climatico e la degradazione degli ecosistemi dall'altra, stanno sfidando l’agricoltura sostenibile a promuovere parallelamente la crescita della produzione, riducendo al minimo l'uso di acqua, proteggendo la salute del suolo e riducendo l’inquinamento.
Alla fine, l’agricoltura sostenibile è un processo di negoziazione multidisciplinare, multilaterale e che interessa più livelli.
In questo contesto, “un approccio di economia circolare” è il modo migliore per soddisfare quattro principali “valori”: cibo, ambiente, salute, sviluppo economico.

Stress idrico e agricoltura
Proviamo ad analizzare la situazione per punti:

  • L’acqua per l’irrigazione e la produzione alimentare costituisce una delle maggiori pressioni sulle risorse di acqua dolce
  • Si prevede che la domanda globale di acqua aumenterà del 55% entro il 2050. Viceversa, si prevede una diminuzione della disponibilità di risorse idriche globali. Entro il 2025 due terzi della popolazione mondiale potrebbe vivere in Paesi in condizioni di stress idrico
  • È previsto che nel prossimo futuro il cambiamento climatico globale aggravi gli stress attuali e futuri sulle risorse idriche aumentando la frequenza e la gravità della siccità e delle inondazioni
  • In molte parti del Mediterraneo, l’agricoltura rappresenta circa l’80% dei prelievi di acqua dolce disponibili a causa della diffusa irrigazione delle colture, una pratica che ne aumenta la resa e la qualità. La maggior parte dell’acqua di irrigazione viene sottratta durante i mesi estivi, quando si verificano i picchi della domanda d’acqua da raccolto ma l’acqua è meno disponibile. La diminuzione delle precipitazioni e della siccità sta influenzando la disponibilità di acqua nel Mediterraneo meridionale e orientale, oltre a far aumentare la desertificazione.
  • L’indice di sfruttamento dell’acqua (prelievi/risorse di acqua naturale rinnovabile) è molto critico nel 60% delle città europee con oltre 100.000 abitanti, oltre che nel Mediterraneo
  • La continua espansione dell’approvvigionamento idrico non è un’opzione praticabile per la gestione delle risorse idriche nel Mediterraneo né ora né in futuro.

Il caso dei nitrati. La sfida verso un’agricoltura sostenibile

Il caso dei nitrati in Europa è la chiara dimostrazione che la transizione verso un’agricoltura sostenibile è un processo più impegnativo rispetto a quanto previsto dalla Direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall’inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole.
L’ultima relazione sull’attuazione della direttiva (maggio 2018) sottolinea che «Nonostante alcuni progressi positivi, il sovraccarico di nutrienti derivante dall’agricoltura continua a essere una delle maggiori pressioni sull’ambiente acquatico». Dunque, «ciò significa che ci sono più potenziali perdite per l’ambiente rispetto al periodo precedente a livello di UE».
I risultati conseguiti dagli obiettivi della direttiva sono difficili in molte regioni d’Europa, le cosiddette zone vulnerabili per l’azoto (NVZ), dove viene applicata la deroga dall’ammontare massimo di 170 kg di azoto per ettaro all’anno di letame di bestiame. Il fertilizzante minerale a base di azoto (NO2) è anche una fonte di nitrati e un gas a effetto serra 300 volte più potente della CO2.

Economia circolare in agricoltura. Spreco di energia e spreco di fertilizzante naturale

In Europa vengono prodotti ogni anno circa 700 milioni di tonnellate di rifiuti agroalimentari. Nel contesto della filiera agroalimentare, l’“economia circolare” mira a ridurre gli sprechi e al tempo stesso a migliorare l’uso dei “rifiuti” prodotti, utilizzando processi e procedure economicamente validi per incrementare il loro valore (agrociclo). La produzione in loco di biogas da letame e rifiuti agricoli è una fonte di energia rinnovabile (un processo a impatto zero) e fornisce agli agricoltori un’entrata aggiuntiva. Nel terreno, il digestato rimanente è una preziosa fonte di fertilizzante naturale, aumenta la ritenzione delle acque e le rese delle colture e può sostituire il fertilizzante minerale riducendo le emissioni di gas serra. Il miglioramento del gas biologico per la produzione di biometano tramite digestione anaerobica è una tecnologia promettente per la decarbonizzazione del sistema energetico.

L’economia circolare in agricoltura. Il rinnovamento del terreno.

Il suolo rappresenta un capitale naturale chiave. Pratiche non sostenibili in agricoltura impoveriscono la materia organica nel suolo, causando bassa produttività, erosione e desertificazione. L’agricoltura rigenerativa aumenta la materia organica tenuta dal suolo, principalmente attraverso la diversificazione delle colture, le rotazioni lungo le colture, le leguminose e le colture di copertura, massimizzando l’efficienza dell’irrigazione dell’acqua e usando il letame prodotto dal bestiame come fertilizzante. L’agricoltura rigenerativa usa ciò che viene prodotto in sito (economia circolare del suolo). Tali pratiche rigenerano la struttura del suolo, costruiscono un sano terriccio e nutrono i microbi del suolo, offrendo una maggiore attività biologica e produttività a lungo termine. Oltre al miglioramento della qualità del suolo e dell’ambiente, in molti casi i benefici economici della diversificazione rispetto alla monocoltura si basano sulla diffusione del rischio in molte colture diverse: questo può evitare o ridurre il rischio di fluttuazioni dei prezzi della “monocoltura” e della perdita dovuta a eventi climatici estremi o a parassiti.

La sostenibilità dell’agricoltura sostenibile

Generalmente, l’agricoltura sostenibile rifiuta soprattutto l’approccio alla produzione alimentare industriale sviluppato nel corso del XX secolo. Sebbene l’approccio industriale fosse in grado di rendere il cibo abbondante e conveniente, secondo la maggior parte delle valutazioni scientifiche ed economiche gli effetti ecologici (terreni e acque impoveriti e contaminati, deforestazione e perdita di biodiversità) stanno mettendo in pericolo la produttività agricola presente e futura. Ciò significa che lo sviluppo dell’agricoltura dovrebbe basarsi su un equilibrio tra produzione di cibo e protezione ambientale, secondo i principi e la metodologia dell’economia circolare.
La domanda che dobbiamo porci oggi è se l’agricoltura sostenibile provocherà una carenza di cibo entro il prossimo decennio seguendo questo nuovo approccio.
La risposta è che la crescente efficienza e la gestione integrata delle risorse naturali, combinata con il riciclo e il riutilizzo in agricoltura di acqua e rifiuti, potrebbe ampliare il terreno coltivabile e migliorare la produttività. Naturalmente, sono necessarie politiche di supporto.
In questa prospettiva, il pagamento per l’inverdimento, introdotto in Europa dalla riforma della politica agricola comune (PAC) del 2013, costituisce un forte sostegno per l’agricoltura sostenibile. L’inverdimento premia gli agricoltori affinché gestiscano la terra in “modo sostenibile”, proteggendo il suolo e l’ambiente, anziché aumentare la produzione e la sovrapproduzione.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook