il reportage
3 Novembre Nov 2018 0559 03 novembre 2018

Ucciso in Pakistan il “padre dei talebani”. Ma non sconfiggeremo mai il fondamentalismo islamico

Maulana Samiul Haq - anche conosciuto come il "padre dei Talebani" - è stato pugnalato a morte in un agguato nella sua casa. Ecco un reportage dalla sua scuola coranica. Da dove si vede che l’Islam massimalista è ben radicato. È una necessità sociale, prima che religiosa

Moschea_Pakistan

L'influente religioso Maulana Samiul Haq - anche conosciuto come il "padre dei Talebani" - è stato pugnalato a morte in un agguato nella sua casa a Rawalpindi. Haq è stato il fondatore del famoso seminario di Haqqania, dove dozzine di leader afghani hanno ricevuto la loro istruzione. Qui di seguito un reportage di Alberto Negri dalla sua moschea, la Haqqania Akora Khattaq.

AKORA KATTACK La shalwar kamiz con il gilet scuro è in ordine, lo zucchetto, il “pagri”, quello giusto per la preghiera del venerdì e la barba nella zona tribale dei pashtun è quasi un lasciapassare: con questo look islamico, rispettoso dei rigidi dettami del rito Deobandi, il mufti Saif Hullah si convince ad aprire le porte della Darul Oulum Haqqania, la Casa della conoscenza, una delle più grandi scuole religiose del Pakistan, famosa perché il suo fondatore, il Maulana Sami ul Haq, senatore e leader del partito Jamiat Ulema i-Islam, è considerato il padre dei Talebani afghani: da questa Università della Jihad negli anni ’90 i seguaci del Mullah Omar partirono per lanciarsi alla conquista di Kandahar e Kabul. E’ in madrasse come questa che vengono allevati i neo-Talebani, una nuova generazione di militanti, tutta pakistana, emersa dopo l’invasione americana dell’Afghanistan, che costituisce il nocciolo duro della rivolta contro all’appoggio agli americani nella guerra al terrorismo del Governo Musharraf.

“Pakistan e Islam sono la stessa cosa, quasi dei sinonimi”, dice il mufti che è anche professore di giurisprudenza e mi introduce con grande cordialità nel suo sancta sanctorum: l’ufficio delle fatwa, le sentenze religiose, dove è custodito anche il diploma ad honorem conferito al Mullah Omar, che in realtà non ha mai potuto frequentare i corsi della madrassa. “Arrivano richieste di sentenze da ogni parte e non solo riguardanti questioni coraniche: “Queste – dice Saif Hullah mostrando un voluminoso faldone- sono le domande per la divisione delle eredità e la spartizione delle terre”. Le sentenze, migliaia, sono gratutite, emanate secondo i dettami della sharia, la legge islamica: questa è anche l’unica forma di giustizia che circola nelle zone tribali pakistane della North West Frontier e del Waziristan, dominate dall’etnia pashtun, dove le tribù sono strettamente imparentate con quelle dall’altra parte della frontiera. I Talebani hanno dichiarato il Waziristan “Emirato islamico” e stanno cercando di instaurare un’amministrazione parallela basata sulla sharia: in questo momento tengono in ostaggio, dopo averne uccisi tre, 240 soldati dell’esercito pakistano.

Il fenomeno delle scuole religiose riguarda tutto il Pakistan, è la punta di lancia della resistenza intellettuale e militare all’Occidente, un movimento di massa preoccupante uscito fuori controllo

Ma il fenomeno delle scuole religiose riguarda tutto il Pakistan, è la punta di lancia della resistenza intellettuale e militare all’Occidente, un movimento di massa preoccupante uscito fuori controllo. “Il futuro del Pakistan è nostro” dice Ahmed, uno dei 3.500 studenti della Haqqania che studiano le materie coraniche ma anche inglese e informatica. A differenza dei talebani afghani, di cui condividono l’ideologia, sono anche esperti di tecnologie e media e hanno sicuramente una migliore comprensione del mondo, ne conoscono i meccanismi perché la modernità è a portata di mano: ci sono 50 canali televisivi cablati, un’offerta dove Mtv convive con i canali religiosi e in inglese, a questi si affiancano poi dozzine di emittenti regionali in pashtun, punjabi, sindhi baluchi, che prima ancora dell’urdu, l’idioma ufficiale, sono la prima lingua di milioni di pakistani.

La proliferazione delle madrasse iniziò negli anni Ottanta, con il generale Zia ul Haq, per allevare i mujaheddin e sostenere la guerra santa in Afghanistan contro i sovietici: alla fondazione del Pakistan nel ‘47 se ne contavano meno di 300, negli anni Novanta erano già 6700, oggi sono almeno 12mila, ma se si aggiungono le scuole più piccole, quelle dove l’attività principale è mandare a memoria il Corano, il numero è di circa 50mila. Gli studenti, ragazze comprese, sono circa un milione e 400mila.

Si tratta di un intero sistema educativo islamico, dove l’accesso è libero e gratuito, che fa concorrenza a un settore pubblico moribondo. Molte scuole statali esistono soltanto sulla carta. Imran Khan, ex capitano della nazionale di cricket entrato in politica, due anni fa ha condotto un’inchiesta sulle scuole pubbliche del suo distretto scoprendo che un quinto di quelle registrate neppure esistevano e che il 70% era quasi sempre chiuso. Il risultato è un fallimento eclatante: oltre il 55% della popolazione pakistana è analfabeta, in India, per far un paragone, il tasso di alfabetizzazione è del 65% e cresce ogni anno.

Per una parte rilevante della popolazione l’unica speranza di dare un’istruzione ai figli è mandarli nelle madrasse dove sono certi che riceveranno un’educazione strettamente tradizionale ma totalmente gratuita, e persino vitto e alloggio

Per una parte rilevante della popolazione l’unica speranza di dare un’istruzione ai figli è mandarli nelle madrasse dove sono certi che riceveranno un’educazione strettamente tradizionale ma totalmente gratuita, e persino vitto e alloggio. “Non sono soltanto i più disagiati a scegliere le scuole religiose ma anche famiglie della piccola borghesia che con tre-quattro figli non si possono permettere una scelta diversa: il successo di queste madrasse è il segnale che non solo si è allargata la forbice tra ricchi e poveri ma che in corso anche un impoverimento delle classi medie”, dice Hamid Mir, il più famoso giornalista pakistano, direttore di Geo Tv, che nel 2001 intervistò Osama bin Laden.

Musharraf aveva minacciato fuoco e fiamme per chiudere le madrasse poi ma non lo ha mai fatto: perché? “Militanti e partiti religiosi, che in questo Paese sono più di 50, sono serviti come puntello al regime militare_ spiega Hamid Mir _ Dopo il colpo di stato del ’99 Musharraf li ha usati per neutralizzare i principali partiti politici, il Partito Popolare di Benazir Bhutto e la Lega Musulmana guidata da Nawaz Sharif. Militari e mullah sono tradizionalmente alleati: un patto che però sta mostrando sempre più crepe, soprattutto dopo il massacro con 120 morti della Moschea Rossa a Islambad”.

Alla Haqqania gli studenti si affollano intorno alla barba bianca del venerabile Sher Alì Shah, 78 anni, considerato una delle maggiori autorità religiose Deobandi, la corrente islamica della più pura e dura ortodossia, nata in India a metà dell’800. Gli allievi, tutti molto giovani, gli massaggiano le spalle, le braccia, le gambe, con la delicatezza e l’attenzione che si riserva a una reliquia. “L’accordo tra Musharraf e Benazir Bhutto _ dice l’anziano ulema _ non risolverà i problemi del Pakistan ma ne crea degli altri, soprattutto ai religiosi: ma il Pakistan apparterrà sempre all’Islam non a Musharraf o a Bush”. Uno dei seguaci di Sher Alì si avvicina e proclama: “Un generale senza divisa non è più niente, senza la spada Musharraf non potrà colpirci e diventerà più vulnerabile di un mullah senza turbante”

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook