6 Novembre Nov 2018 1400 06 novembre 2018

Quanto ci costa davvero un rialzo dello spread

Facciamo chiarezza su un tema ormai all’ordine del giorno: gli effetti sull’economia, del Paese e dei cittadini, dell’oscillare dello spread tra Btp e Bund tedeschi

000 1AK1EX
Tiziana FABI / AFP

Come è ormai noto, con la parola “spread” si indica in particolare la differenza di rendimento tra i titoli decennali italiani e quelli tedeschi. I primi, essendo considerati molto stabili, funzionano da punto di riferimento generale, su cui vengono misurati i rischi dei titoli di altri Paesi. Quando la differenza (lo “spread”, appunto), che si misura in punti base, aumenta allora crescono anche i tassi di interesse.

Per capirsi, se lo spread è di 250 punti base, allora il Btp italiano ha un tasso di interesse maggiore del 2,5% E dovrà pagare sui suoi titoli un tasso del 2,5% più alto rispetto a quello applicato dai tedeschi.

Ma cosa significa, in concreto tutto questo? Quanto ci costa, come Paese e come cittadini, un rialzo dello spread? Lo spiega questo articolo di Risparmiamocelo.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook