7 Novembre Nov 2018 0556 07 novembre 2018

Perché il surplus commerciale tedesco danneggia il resto del mondo

Formatosi in due momenti chiave della storia recente, cioè la riforma del lavoro e l’ingresso dell’euro, è cresciuto fino ad assumere proporzioni che, secondo l’Economist, sono preoccupanti

000 1AL74K
Julian Stratenschulte / dpa / AFP

È l’8% del Pil, pari a 300 miliardi di dollari. È sei volte l’ordine di grandezza italiano. Il surplus commerciale della Germania è impressionante: enorme e, come dicono prestigiose pubblicazioni internazionali, pericoloso. Rappresenta “una seria minaccia per gli equilibri economici e commerciali globali”.

Ma come si è formato? E perché suscita tutte queste inquietudini?

Lo spiega questo articolo di Risparmiamocelo.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook