15 Novembre Nov 2018 0600 15 novembre 2018

Gli investimenti? Oggi si possono personalizzare, foglio per foglio

Si chiama Fogli ed è l’ultimo prodotto nato in casa Fideuram: 41 linee, divise in quattro sezioni componibili in funzione delle esigenze di ogni gestore

Toro Wall Street Linkiesta
Drew Angerer / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Classe, consiglio, tema o stile? No, non è un gioco per bambini tipo “dire, fare baciare”, ma un nuovo modo di gestire il patrimonio ideato da Fideuram, società di gestione del risparmio del gruppo Intesa San Paolo, per rispondere al meglio all’esigenza sempre crescente di personalizzare le proprie scelte di investimento in funzione dei propri obiettivi. Si chiama Fogli, questa offerta ed è, tecnicamente, «un prodotto di gestione patrimoniale multilinea, un contratto, 41 linee, suddivise in 4 sezioni», così lo spiega Renato Zaffuto, Responsabile Direzione Investimenti di Fideuram Investimenti Sgr, che di questo prodotto è uno degli ideatori.

«La novità è che mettiamo insieme queste quattro sezioni di portafogli che permettono al cliente di combinare liberamente fondi, Etf e titoli, con oltre quaranta soluzioni», spiega Zaffuto. Le sezioni sono quattro, per l’appunto. C’è “Classe” uno portafoglio in fondi / ETF strutturati per asset class, che consente di prendere posizione su diverse dimensioni di rischio e aree geografiche dell’universo obbligazionario e azionario.

«La novità è che mettiamo insieme queste quattro sezioni di portafogli che permettono al cliente di combinare liberamente fondi, Etf e titoli, con oltre quaranta soluzioni»,

enato Zaffuto, Responsabile Direzione Investimenti di Fideuram Investimenti Sgr

Ancora: c’è Consiglio, un portafogli in fondi/ETF costruiti in logica di portafogli consigliati multibrand e differenziati per profilo di rischio. C’è Tema, portafogli in titoli/ETF che prendono posizione su specifici temi di investimento, come l’automazione o l’e-commerce. E c’è Stile, portafogli in titoli/ETF che cattura i principali fattori di rischio alternativi del mondo azionario, come value, quality, momentum.

«Fogli è pensata anche in digitale per i consulenti finanziari, guardando alle esigenze di personalizzazione dell’investitore finale - spiega ancora Zaffuto -. Guarda al futuro dei mercati, sia in relazione ai tassi di interesse ai minimi storici sia alle tecnologie».In un contesto di Mifid2 si esalta ancora di più il ruolo del consulente finanziario che è centrale per la nostra rete. La piattaforma Fogli lo fa offrendo chiavi d’accesso per costruire portafogli che investono in un’ampia selezione di asset class di strategie alternative, flessibili».

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook