15 Novembre Nov 2018 0600 15 novembre 2018

Il trucco usato da Justin Trudeau per liberarsi delle persone che gli danno fastidio

Il presidente canadese avrebbe un pulsante nascosto nella camicia con cui chiama il suo staff. Questi arrivano subito per permettergli di abbandonare meeting e incontri in cui ha cominciato ad annoiarsi. Sarà vero?

000 1AT86S
Lillian SUWANRUMPHA / AFP

Quando si stufa, sa sempre cosa fare: pigiare il bottone dell’allarme, nascosto nella tasca della sua camicia, e lo staff accorre a recuperarlo e a portarlo fuori da qualsiasi situazione. Justin Trudeau, il presidente del Canada, se la cava sempre così. Si leva d’impaccio e toglie il disturbo. E nessuno può dirgli nulla perché, cosa vuoi, se sono venuti a prenderlo vuol dire che è una questione importante.

E invece è solo un trucco. Lo rivela l’antico presentatore di Joepardy!, Alex Trebek, a Vulture: “Ho incontrato Trudeau solo una volta, a Ottawa”, ha detto. “Abbiamo parlato per un’ora e, visto che sono molto attento alle sfumature del comportamento delle persone, mi sono accorto che a un certo punto, più o meno dopo 45 minuti, ha fatto un gesto di questo tipo [si mette la mano sotto la camicia] e dopo 10 secondi hanno bussato alla porta. Una delle sue assistenti ha bussato e ha detto “Presidente, c’è l’incontro”.

Insomma, ha un pulsate nascosto con cui segnala ai suoi uomini di venirlo a pescare quando è il momento.

Ma è vero? Secondo lo staff canadese no, al contrario.

Sarebbe tutto falso. E tutto sommato, visto che Trebek è noto per essere un umorista, potrebbe anche essersi inventato tutto.

Eppure “il bottone segreto” non sarebbe una novità, e nemmeno tanto sorprendente. Così come i direttori di banca avvisano la polizia in caso di rapina, così anche la regina Elisabetta avrebbe, nella sua suite di Buckingham Palace, un pulsante per avvisare i suoi servitori che vorrebbe chiudere la conversazione. In altre situazioni, adotta un codice segreto, facendo girare l’anello o spostando la borsa, per farli intervenire.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook