ambiente
21 Novembre Nov 2018 0559 21 novembre 2018

Eni nell’indice sui diritti umani del Corporate Human Rights Benchmark

Un riconoscimento importante per un’azienda che da dieci anni ha messo tra le sue priorità il miglioramento e l’integrazione del rispetto dei diritti umani

Corporate Human Rights 460

È da dieci anni che il rispetto dei diritti umani figura tra le priorità di Eni: integrato in ognuna delle sue attività, è un impegno che evolve di anno in anno e che riceve ampio supporto da tutti i vertici. I risultati? Si vedono eccome: Eni, infatti, è risultata la prima tra le società energetiche e la settima tra tutte le 101 società dei diversi settori analizzate.

Lo dice il Corporate Human Rights Benchmark, iniziativa finalizzata a creare il primo parametro pubblico per valutare la performance aziendale in materia di diritti umani. CHRB, di anno in anno mette a confronto le più grandi aziende del pianeta e ne passa al setaccio le politiche, la governance, i processi e le pratiche adottate per integrare ed esaltare il rispetto dei diritti umani.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook