espansionismi
7 Dicembre Dic 2018 0559 07 dicembre 2018

Una mappa dei sogni di grandezza della Germania (di cento anni fa)

Espansionismo in Europa, in Asia, in Africa, e in tutta l’America latina. Il verbo del pangermanesimo era molto sentito e metteva paura alle potenze rivali, come Francia e, soprattutto, Inghilterra

Schermata 2018 11 21 A 15
Cornell University – PJ Mode Collection of Persuasive Cartography (part.)

Prima tutta l’Europa, poi parte dell’Africa, il Sudamerica e alcune zone della Cina. Questo era il grande piano di espansione della Germania. O almeno, quello che gli anglosassoni temevano che la Germania volesse.

Compilando le varie affermazioni rilasciate nel tempo da capi e comandanti tedeschi, hanno tracciato il quadro di un eventuale impero tedesco. La mappa (questa qui sotto, conservata alla Cornell University) risale con ogni probabilità al 1918 e parla chiaro.

Cornell University – PJ Mode Collection of Persuasive Cartography

I tedeschi avrebbero voluto il controllo dell’Olanda (“come alleato”) e di tutte le sue colonie. Questo spiega, per capirsi, l’ampia penetrazione in Africa. Paesi cui avrebbero aggiunto Camerun, Angola e Congo. Né va dimenticato il Nordafrica, ma non tutto: solo Marocco, Libia ed Egitto, da cui avrebbero controllato tutto il corso del Nilo.

In Asia puntavano al bacino tra i due fiumi in Cina, al posesso delle colonie asiatiche della Turchia, più entrambe le coste della penisola arabica (l’interno, desertico, non interessava) e le isole indonesiane. Il Sudamerica in toto passava a loro, che in più avrebbero esteso il loro dominio in quasi tutta l’Europa, con esclusione della Francia (almeno in parte), della Spagna e del Portogallo. E, come è ovvio, dell’Inghilterra.

È chiaro che una mappa del genere, che visualizza un sogno di pangermanismo forse un filo esagerato, rifletteva il timore inglese per la crescita e l’espansione tedesca, ancora vivo nonostante la sconfitta nella prima Guerra Mondiale – e del resto sarebbe riemerso vent’anni dopo. In più, gli inglesi temevano per l’integrità del loro impero coloniale e consideravano queste aspirazioni germaniste un affronto alla loro supremazia mondiale. La denuncia, insomma, era anche l’esposizione di una minaccia.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook