menti geniali
14 Gennaio Gen 2019 0559 14 gennaio 2019

Le tre invenzioni più strane che esistono davvero

Almeno, sulla carta. Se poi qualcuno vuole davvero realizzare il macchinario che tira continui calci nel sedere a chi lo aziona, è libero di fare quello che preferisce

Schermata 2019 01 14 A 01

Non esistono idee nuove. Tutto ciò che è pensabile, è già stato pensato. Prima di oggi sono esistiti milioni di esseri umani che, in qualche modo, hanno lavorato di immaginazione. Molti hanno avuto idee geniali, ma solo alcuni sono riusciti a realizzarle. Gli altri le hanno solo brevettate.

Come mostra questo simpatico video di Bbc Reel, l’uomo ha dedicato (meglio: dissipato) il proprio ingegno in cose fantasiose e assurde.

Ad esempio, “il calciatore di sederi”. Un macchinario composto da una ruota da cui parte una raggiera che termina con delle scarpe. L’essere umano, dall’altra parte, lo aziona girando la leva di un ingranaggio, quasi fosse un attrezzo di palestra: il nastro scorre, la ruota gira, i piedi vanno a dare dei calci nel sedere al poveretto. Lo ha inventato nel 2000 un certo Joe W. Armstrong. Che aveva molta fantasia.

Non è male nemmeno la muta da sub per cani. Perché obbligarli a brevi nuotate di superficie? L’inventore Dwane L. Folsom ha architettato (e registrato nel 2001) una tuta che permetterebbe anche agli amici a quattro zampe di visitare i sottofondi marini. Come se fosse la loro primaria e inconfessata aspirazione.

E cosa si può dire del “cruciverba” per grattatori? È una semplice maglietta con disegnata, sul retro, una griglia. Chi sente un prurito sulla schiena e non vuole faticare, può dare le coordinate del punto giusto a un amico che si incaricherà di grattarlo. Un’idea divertente che non funzionerà mai. E pensare che il suo autore è il regista italo-americano Francis Ford Coppola. Le cui invenzioni migliori si trovano, più che nell’archivio dei brevetti, nelle sceneggiature dei suoi film.

Guarda il video della Bbc sulle invenzioni più strane

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook