vecchia scuola
17 Gennaio Gen 2019 0600 17 gennaio 2019

Incubi vecchi di secoli: i compiti a casa assegnati a uno studente dell’antico Egitto

La scrittura è una grande cosa, ma anche una fatica per chi la deve imparare. Soprattutto se, come accadeva 1.800 anni fa, non si aveva nessuna penna a sfera a disposizione ma solo una tavoletta di cera.

Table With Was And Stylus Roman Times

Insieme alla scrittura è nata la corrispondenza, gli archivi e, soprattutto, i compiti a casa. Gli insegnanti del futuro puntano a eliminarli, ma quelli del passato, anche lontano, erano severissimi. Lo dimostra, per esempio, una tavoletta di cera del secondo secolo d.C., esposta alla British Library, in cui sono rimasti per millenni gli appunti di una lezione scolastica.

Si tratta di un esercizio molto semplice: sul lato superiore si vede una frase scritta dal docente in greco, mentre le righe successive contengono le stesse parole copiate dallo studente (“in maniera piuttosto goffa”). Sotto, c’è una tavola per le moltiplicazioni e alcuni esercizi di lettura.

Nonostante l’identità dello studente (non troppo dotato) sia andata perduta nel tempo, con ogni probabilità apparteneva a una famiglia facoltosa ed era maschio. Nell’Egitto dell’epoca, ormai ellenizzato da secoli, andava così. La cultura era greca, la lingua anche e così le lezioni che si facevano in classe.

Insieme alla lingua, si insegnava anche una certa morale. Attraverso le frasette copiate (male) dal ragazzo, venivano impartite lezioni di vita di ampio respiro. “Accetta consigli solo da persone sagge”, per esempio. O “Non puoi fidarti di tutti i tuoi amici”. Consigli che tutti i genitori preoccupati hanno rifilato, almeno una volta, ai loro figli.

Insomma, quel compito fissato nella cera, rimasta intatta nei secoli grazie al clima secco dell’Egitto, dimostra che l’uomo, nonostante le volute della storia, resta sempre se stesso. Anche nella svogliata grafia di chi stenta a imparare una nuova scrittura.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook