Dossier
Difendi i tuoi risparmi
Confronti
24 Gennaio Gen 2019 1000 24 gennaio 2019

La Francia sta peggio dell’Italia, ma non è vittima dello spread

Sui mercati finanziari i titoli francesi presentano uno spread più basso di quelli italiani. Eppure, da un punto di vista macroeconomico la Francia non è messa meglio dell'Italia

France Linkiesta
(Lionel BONAVENTURE / AFP)

Una storia infinita di odio e amore, quella tra Italia e Francia. Dai vini alla gastronomia, dal calcio al ciclismo, per non parlare di cinema, moda, lusso, arte, fino alle grandi aziende, come dimostrano i tira e molla degli ultimi mesi.

E poi c’è lo spread: come sappiamo, più è alto, più i mercati finanziari hanno paura che uno Stato non riuscirà a far fronte ai suoi oneri. E allora siccome lo spread della Francia sta a 40 punti base rispetto al Bund tedesco e il nostro staziona invece a 250, la domanda sorge spontanea: perché se il debito pubblico francese cresce di più di quello italiano, lo spread resta più basso?

Per un confronto sui dati macroeconomici di Italia e Francia, leggi Risparmiamocelo!

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook