Consumi
12 Febbraio Feb 2019 1600 12 febbraio 2019

Il carrello della spesa è sempre più tricolore

Ormai un prodotto alimentare su quattro evidenza la sua italianità in etichetta, come emerge dall’analisi su oltre 60 mila prodotti fatta dall’Osservatorio Immagino

Carrello Linkiesta
(Pixabay)

Nel mondo l’Italia è considerata la patria del buon cibo. E anche per i consumatori italiani l’italianità rappresenta un valore differenziante quando si tratta di scegliere cosa portare in tavola, un motivo di orgoglio e di identità nazionale. Il riflesso sul largo consumo non si limita al fronte della domanda, arriva anche su all’offerta, come emerge con evidenza dallo studio condotto dall’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy: ben 17.053 dei 67.855 prodotti alimentari monitorati evidenziano sulle confezioni la loro matrice nazionale ricorrendo a elementi come il tricolore, la dicitura “made in Italy” o “100% ingredienti italiani”, oppure evidenziando una delle indicazioni geografiche europee (Dop, Igp, Doc e Docg).

Con il 25,1% dell’assortimento alimentare proposto da supermercati e ipermercati, l’italianità è il fenomeno più importante e pervasivo del mass market nel food. Ed è anche il numero uno per giro d’affari, con una quota del 22,5% sul sell-out nazionale. Oltre a evidenziare un trend molto positivo: secondo le elaborazioni dell’Osservatorio Immagino, tra giugno 2017 e giugno 2018 le vendite dei prodotti connotati come italiani sono cresciute del 3,5%, arrivando a superare i 6,4 miliardi di euro e migliorando la performance ottenuta nei 12 mesi precedenti (+2,2%).

CONTINUA A LEGGERE SU TENDENZEONLINE.INFO

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook