25 Febbraio Feb 2019 0600 25 febbraio 2019

Le 8 regole per lavorare in maniera creativa (e come un vero team)

Se l'innovazione si fa in gruppo, è bene trovare il gruppo di lavoro migliore possibile. Eterogeneità, autonomia e ottimismo sono solo alcuni esempi del mix perfetto di risorse da mettere in campo. E se il focus è sugli obiettivi, non bisogna comunque dimenticare l'importanza della condivisione

Lavoro Di Squadra_Linkiesta
Photo by rawpixel on Unsplash

Ti piacerebbe avere un gruppo di lavoro brillante, capace di generare idee originali e affascinanti?

Fatta eccezione per pochi grandi geni “solitari” (come Leonardo, Einstein, ecc.), per generare l’innovazione è necessario un gruppo. Non tutti i gruppi, però, riescono ad essere creativi. Ecco otto elementi a cui prestare attenzione per elevare la creatività del tuo team.

Team eterogeneo

I gruppi più efficienti (ed innovativi) sono composti da persone differenti tra loro. Una buona eterogeneità, infatti, consente al gruppo di percepire e di analizzare ogni situazione da una molteplicità di punti di vista, di elaborare con maggior attenzione e consapevolezza le informazioni e di generare una pluralità di idee e di proposte innovative.

Se stai creando un nuovo gruppo, seleziona persone diverse (e complementari) per età, sesso, formazione, competenze, background culturale, ecc. Se lavori, invece, in un team già formato, prova ad inserire qualche elemento nuovo che possa portare una ventata di “freschezza creativa”.

Buone abilità creative

Domenico De Masi sostiene che i team (scientifici, artistici, ecc.) che hanno ottenuto risultati eccellenti erano formati da persone molto fantasiose e poco concrete, che collaboravano con persone molto concrete e poco fantasiose. Possiamo dire, in maniera un po’ più precisa, che hai bisogno di alcune persone molto brave ad analizzare le situazioni, a comprendere i problemi e a definire, in modo chiaro, le sfide da affrontare; di altre persone, molto vivaci e fantasiose, capaci di generare idee, tante idee, originali e “visionarie”; di altre persone ancora, capaci di selezionare le soluzioni più promettenti e di “raffinarle” per renderle attraenti e commerciabili.

Prova a scoprire, attraverso un gioco o tramite un’osservazione diretta, quali sono le principali abilità creative delle persone che lavorano con te.

Obiettivi chiari e sfidanti

Una barca senza remi non va da nessuna parte, così un gruppo che non ha degli obiettivi chiari non può fare progressi. È fondamentale dedicare un po’ di tempo alla condivisione e all’elaborazione degli obiettivi da raggiungere, in modo che ogni persona ne sia consapevole. Obiettivi “sfidanti”, che richiedono impegno, passione e creatività, stimolano le persone a dare il meglio di sé e a collaborare con entusiasmo.

Individua una frase (slogan, citazione, ecc.) per descrivere l’obiettivo principale che il tuo gruppo sta perseguendo.

Continua a leggere su Centodieci

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook