linguaggi
27 Febbraio Feb 2019 0600 27 febbraio 2019

Cosa è il Kata Kolok, la lingua dei segni che capiscono tutti

Nell’interno di Bali c’è un villaggio con un’altissima componente di persone affette da sordità. È un problema generico, anche se per loro è tutta colpa di una generazione. Ma a differenza di altre zone del mondo, i sordomuti sono integrati benissimo e riescono a comunicare con tutti

Schermata 2019 02 26 A 13
frame da Vimeo

Linguaggi dei segni ce ne sono tanti. Ma il Kata Kolok è unico al mondo per una ragione molto semplice: è usato da 44 persone su tutto il pianeta e, soprattutto, viene compreso anche dai vicini e parenti che sordi non sono. Succede a Bengkala, un paesino nell’interno della costa di Bali.

Qui le persone affette da sordità sono numerose e, a causa di un gene recessivo nella popolazione, lo sono da sei generazioni. Loro parlano di una “maledizione”, che colpirebbe un bambino su 50 nati. In ogni caso, a differenza di tanti altri nelle loro condizioni, i sordi di Bengkala possono comunicare con tutti gli altri 3mila abitanti, e tutti comunicano con loro, grazie al Kata Kolok.

Il linguaggio è intuitivo e lo può capire anche un passante appena arrivato: per dire “uomo”, si tende un dito. Per dire “padre”, lo stesso dito finisce sulla bocca, a forma di baffo. “Donna” – nessuno si scandalizzi – sono due dita che si sovrappongono, lasciando un’apertura, e “madre” due mani a forma di coppa. Per dire “ho sete” basta accarezzarsi il collo, e se qualcuno vuole un caffè deve picchiettarsi la testa con un dito. Proprio come, qui in occidente, si farebbe per dire che qualcuno è un po’ matto.

La forza del Kata Kolok, in più, risiede del grande rispetto di cui godono i sordi nella comunità. Prima di tutto, a causa della loro prestanza fisica: a loro vengono affidati i lavori più faticosi, soprattutto quello di scavare fosse per i morti. M la loro vera dote sarebbe, in realtà, un’altra: grazie alla sordità sarebbero immuni ai sussurri e ai consigli malefici degli spiriti cattivi. Non sentono, non sono influenzabili. E mantengono così, grazie a una credenza popolare e a un linguaggio semplice, un ruolo importante nel villaggio.

Dovrebbe essere così ovunque.

Kata Kolok from WTH on Vimeo.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook