27 Febbraio Feb 2019 0600 27 febbraio 2019

Italia sempre più vuota: nel 2065 saremo 6 milioni di meno

In assenza di shock esterni o di misure a sostegno della natalità, fra 100 anni il nostro Paese sarà popolato da quasi un quarto dei 60 milioni di abitanti oggi. Lo spiegano Antonio Golini e Marco Valerio Lo Prete nel loro ultimo libro “Italiani poca gente” (Luiss University Press)

Culla vuota_Linkiesta

Pubblichiamo un estratto del libro Italiani poca gente - Il Paese al tempo del malessere demografico (Luiss University Press) di Antonio Golini e Marco Valerio Lo Prete. Il libro uscito il 7 febbraio 2019 sarà presentato a Roma con la partecipazione di Piero Angela che ha scritto la prefazione.

Capitolo 2.4: 2065 – Il Paese vuoto

La slavina non sembra destinata a fermarsi presto. Nascite ridotte al lumicino e invecchiamento galoppante, che assieme all’immigrazione sono i trend fondamentali della demografia italiana contemporanea, potrebbero cambiare in profondità il Paese di domani. All’ultima edizione del Festival della Statistica “Statisticall”, alcuni accademici si sono spinti a prevedere che l’Italia in assenza di shock esterni o di misure a sostegno della natalità, fra 100 anni sarà abitata da appena 16 milioni di persone, quasi un quarto dei 60 milioni di oggi. E pensare che soltanto ventuno anni fa destò scalpore una mia intervista alla rivista americana Christian Science Monitor nella quale affermai che: «con un esercizio di pura statistica, si potrebbe dimostrare che, all’attuale tasso di 1,17 figli per coppia, gli italiani saranno estinti entro i prossimi 200 anni».

Occorre comunque cautela. Le previsioni sul futuro della popolazione sono per definizione incerte, suscettibili di cambiamenti anche significativi col passare degli anni, e questo è tanto più vero quanto più ci si spinge in là nel tempo con le ipotesi, allontanandosi dall’anno base. Per questa ragione, per avere qualche indicazione sulle prospettive prossime venture, sarà bene fare riferimento ai dati più ponderati messi recentemente di nuovo a disposizione dall’Istat. Nello scenario “mediano” del rapporto “Il futuro demografico del Paese” dell’Istituto di statistica nazionale, si prevede un calo progressivo della popolazione: dai 60,6 milioni di abitanti nel 2017, l’Italia scenderà a 60,5 milioni nel 2025 (con un tasso di variazione medio annuo pari a –0,1 per mille), poi a 59,0 milioni nel 2045 (tasso di variazione medio annuo pari a –1,5 per mille). «È sul lungo termine, tuttavia, che le conseguenze della dinamica demografica prevista nello scenario mediano sulla popolazione totale si fanno più importanti »– scrive l’Istat – «Tra il 2045 e il 2065, infatti, la popolazione diminuirebbe di ulteriori 4,9 milioni, registrando una riduzione media annua del 4,3 per mille. In tale ipotesi la popolazione totale ammonterebbe a 54,1 milioni nel 2065, con una perdita complessiva di 6,5 milioni di residenti rispetto a oggi».

L’Istat mette comunque in guardia da una “elevata incertezza” rispetto alla situazione che ci sarà fra cinquant’anni: al fianco dello scenario “mediano” ci sono infatti uno scenario meno favorevole, sulla base del quale la popolazione perderebbe addirittura 14,2 milioni di unità tra il 2017 e il 2065, e anche l’eventualità meno probabile di un lieve aumento di entità pari a 1,4 milioni di unità. Il Paese continuerà comunque a scontare il peso dell’attuale debito demografico che sovrasterà anche possibili lievi aumenti della natalità: Sulla base dello scenario mediano, la prospettiva di un pur parziale recupero della fecondità (da 1,34 figli per donna nel 2017 a 1,59 entro il 2065) non basterà a determinare un numero di nati che risulti, anno dopo anno, sufficiente a compensare l’aumentato numero di morti. Fino al 2040 le nascite dovrebbero mantenersi costantemente in un intorno di 460-465mila unità annue. Parallelamente i decessi tendono a salire in misura progressiva da 646mila nell’anno base a 736mila nel 2040. (…) Dalla relazione ‘meno madri potenziali/meno nascite’, anche se con fecondità in aumento, e da quella ‘più individui in età anziana/più decessi’, scaturisce così l’instaurarsi di un saldo naturale (nascite meno decessi) negativo che tende ad assumere dimensioni sempre più rilevanti”.

Un contributo determinante per la popolazione italiana sarà quello esercitato dai flussi migratori in entrata e in uscita. Sempre nello scenario mediano dell’Istat, che prevede ingressi annui in calo dalle 337mila unità dell’anno base alle 271mila nel 2065, entreranno complessivamente nel Paese 14,6 milioni di persone. Nello stesso arco di tempo gli emigrati sarebbero 6,6 milioni. Tali flussi, ovviamente, sono ancora più incerti delle statistiche sulla popolazione residente perché dettati da scelte politiche mutevoli e da eventi esterni poco controllabili.

Le previsioni riguardano anche le migrazioni interne, cioè i trasferimenti di residenza fra Regioni diverse. Queste arriveranno secondo l’Istat alla «ragguardevole cifra complessiva di 14,4 milioni nel corso del periodo previsivo»; a beneficiarne sarebbe soprattutto il Nord-est, «con un saldo di trasferimenti positivo per 473mila unità fino al 2065. L’età media della popolazione salirebbe dagli attuali 45 anni (44,9 per la precisione) a 50 anni (49,6) nel prossimo quarto di secolo, per poi stabilizzarsi a 50,3 anni attorno al 2060. Il processo di invecchiamento sarà più rapido al Sud: qui l’età media potrebbe sfiorare i 52 anni nel 2065, contro i 49,5 anni del Nord». Nel Mezzogiorno, la quota di giovani fino a 15 anni si ridurrebbe dall’attuale 14%, dato superiore alla media nazionale che è 13,3%, all’11% nel 2065, mentre la media allora sarà del 12%. La stessa Istat scrive: «Non vi è dubbio che il quadro prospettico di tale ripartizione geografica ponga in essere una questione di sostenibilità strutturale, per se stessa e per l’intero Paese». Così il Mezzogiorno, che è stato per decenni la «riserva demografica» dell’Italia e dell’Europa per molti versi, diverrà l’area con la maggiore tensione demografica. È questa dunque, pur con tutti i caveat che abbiamo sottolineato, la prospettiva del futuro demografico italiano. Come si è tentato di chiarire fin dall’inizio di questo lavoro, introducendo il concetto di “faglie demografiche”, non sarà necessario però attendere il 2065 affinché gli squilibri demografici crescenti presentino il loro conto, spesso salato.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook