2 Marzo Mar 2019 0600 02 marzo 2019

Il pugliato per battere i pregiudizi: Imane Kaabour indossa i guantoni. Ma è con l’ironia che stende gli avversari

In Italia da quando aveva 9 anni, una porta sbagliata in palestra l'ha portata sul ring. Dopo l'infortunio che ha messo fine alla sua carriera agonistica, nel 2012 ha aperto a Genova il Kaabour Boxing Center, dove insegna l'arte del pugilato anche ai bambini.

Imane Kaabour pugilato_Linkiesta

Imane Kaabour, 37 anni, di origini marocchine, in Italia anzi a Genova dal 1991, un figlio e un marito italiano, laurea in Scienza dell’Educazione con specializzazione in Antropologia ed Etnologia, istruttrice di pugilato e titolare del KBC Kaabour Boxing Center nel capoluogo genovese: «L’unica volta che mi sono sentita discriminata è stato tanti anni fa in Danimarca. Solo perché mi avevano sentito parlare in italiano…».

Suo padre all’epoca lavorava come cromatore in una ditta. L’azienda gli diede l’opportunità di venire a lavorare in Italia. Lui non se lo fece ripetere due volte, approdando a Genova con moglie e i due figli, Simonhamed, che oggi insegna in un liceo internazionale sempre a Genova, e lei: «Sono arrivata qui che avevo 9 anni. Lasciare il Marocco non è stato un problema, era un Paese troppo povero. L’unica cosa che mi interessava era stare con la mia famiglia. Abbiamo imparato l’italiano in fretta e ci siamo inseriti. Ovvio che a essere donna, marocchina e istruttrice di boxe c’è chi mi guarda male. Ma non mi arrabbio più. Al massimo ne rido. Se guardo a tutto quello che ho realizzato nella mia via vita non posso che essere soddisfatta. Spesso scopro che ho fatto più cose io di tante persone che mi giudicano».

Continua a leggere su Nuove Radici

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook