4 Marzo Mar 2019 1200 04 marzo 2019

Ecco perché l’emotività negli investimenti costa il 3% ogni anno

Secondo una ricerca di Dalbar, società di ricerca finanziaria americana, i risultati dell’investimento dipendono più dal comportamento degli investitori che dalla performance del fondo

Emotività_Linkiesta

Perdonate, l’emozione. Una grande fetta dei mancati guadagni degli investitori è da attribuire principalmente al loro comportamento. Perché l’atteggiamento dell’investitore medio reagisce in modo esagerato alle notizie sui mercati. Non si tratta soltanto di comprare e vendere nel momento sbagliato, ma di cadere in trappole psicologiche e luoghi comuni che portano ad agire in modo irrazionale. Ed è un prezzo che si paga caro.

Vuoi sapere perché l’emotività negli investimenti costa il 3% ogni anno?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook