musiche nuove
16 Aprile Apr 2019 0600 16 aprile 2019

Lui era un soldato inglese a Roma, lei la moglie lontana. E il valzer che le scrisse nel 1945 è stato suonato per la prima volta

Un ritrovamento inaspettato che racconta un episodio piccolo, quasi insignificante, della Seconda Guerra mondiale. Quando un inglese, di stanza a Roma, per vincere la noia e la nostalgia di quelle ore, scrisse una melodia alla moglie. Per anni restò chiusa, custodita come un segreto, in un cassetto

valzer-linkiesta
da Twitter

In origine fu un ritrovamento casuale. La nonna era appena morta e un ingegnere del suono di Penarth, in Galles, insieme a sua madre, aveva appena cominciato a occuparsi degli oggetti che la donna aveva lasciato. All’improvviso e in modo del tutto inaspettato, trovano un vecchio spartito (ma in ottime condizioni), che porta la data “aprile 1945”. Dietro c’è anche la scritta “Lido di Roma” e dimostra che fu composto durante il periodo in cui il nonno, soldato inviato in Italia, era stazionato nei pressi della capitale italiana. Per combattere la noia dei tempi di guerra aveva composto un valzer, con tanto di testo, dedicandolo alla moglie lontana.

Il nipote, prima del funerale della nonna, decise di tradurre lo spartito in una versione digitale (nonostante le lezioni di pianoforte, non era in grado di suonarla). “E così ho potuto scoprirlo nota per nota, ed è stata un’esperienza fortissima”. Ricomposta in digitale, la melodia è stata suonata per dare l’addio alla nonna, e poi caricata su SoundCloud, dove ha avuto un successo incredibile.

E allora, per onorare una storia d’amore lontana, vissuta sulle note di un valzer capace di volteggiare tra confini e Paesi, trincee e basi militari, tra avversari e alleati, amici e nemici, alcuni (loro) hanno deciso di eseguirla dal vivo.

E il risultato è questo:

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook