Club GoT
23 Aprile Apr 2019 0741 23 aprile 2019

Da Sansa a Brienne: l’ottava stagione del Trono di Spade è il trionfo delle donne

C’è chi diventa cavaliere, chi guida il Nord, chi comanda i draghi, chi trama alle loro spalle: e in mezzo ci sono loro, i maschi, per una volta inermi e passivi di fronte alle donne, che reggono tutta la trama. Cercavate il nuovo femminismo? Eccolo, a Westeros

Sansa Stark Linkiesta

Anni a discutere su questi benedetto soffitto di cristallo che tiene fuori le donne dalle posizioni apicali e poi, ecco qui: il trono di Spade rompe l’ultimo tabù maschilista, consegna l’investitura da Cavaliere alla guerriera Brienne di Tarth e ci spiega come si infrange quel tipo di soffitto. A spadate, come ha fatto Brienne. Accettando i rischi di un percorso iniziatico, come Arya. Nutrendo draghi e liberando schiavi, come Daenerys. Incenerendo nemici con l’altofuoco e scaricando figli e amanti quando si rivelano zavorre, come Cersei. O anche facendosi donzella indifesa quando serve, sopportando e avanzando a rimorchio di mariti improbabili e crudeli protettori, salvo cogliere l’opportunità del comando quando si presenta: la strada di Sansa, che per sette stagioni è apparsa come la più indifesa e la più stupida, e adesso porta lo scettro del Nord con autorità assoluta, come se in quei corsetti da condottiera ci fosse nata.

Chi manipola chi? È l’ambizione delle donne il motore di questa storia? Oppure viceversa, le donne hanno costruito per amore la trama desiderata dai loro uomini?

All’inizio della battaglia che farà l’impresa – quella contro gli Estranei che perseguono la morte dell’Occidente e delle sue memorie – sono le signore le protagoniste assolute del plot. Tutte, compreso la piccolissima Lady Mormont che tratta suo zio, celebrato combattente, come uno zerbino. E la domanda che svetta nei dialoghi arriva da una gelida conversazione tra la regina dei draghi e la Lady di Grande Inverno: chi manipola chi? È l’ambizione delle donne il motore di questa storia? Oppure viceversa, le donne hanno costruito per amore la trama desiderata dai loro uomini?

La prima ipotesi sembra la più probabile. E comunque ci sono ancora sei puntate per vedere come agisce questo potere femminile. Al momento le ragazze di Got rovesciano gli stereotipi del comando: sono clementi con i vecchi nemici che si presentano a corte (Sir Jamie), riconoscenti con gli occasionali alleati del passato (Theon Greyjoy), pazienti con i consiglieri che sbagliano (Tyrion), ironiche con i malvagi ravveduti (Clegane, il Mastino), al punto che il sottotesto delle considerazioni maschili diventa un malinconico “come eravamo". Eravamo cattivi, cinici, crudeli, buttavamo bambini dalle torri, volevamo sgozzarci l’uno con l’altro, e invece eccoci qui. Nello stesso castello. Fianco a fianco. Con una seconda opportunità, grazie alle Lady, alle madri dei draghi, alle fanciulle, che gli Antichi Dei le benedicano…

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook