15 Maggio Mag 2019 0600 15 maggio 2019

Cento modi di tradurre Emily Dickinson (e mille con cui la poesia ci salva)

Giocare a tradurre in diversi modi la poesia della Dickinson è un esercizio di lingua ma soprattutto di anima: così le frasi, assemblabili a scelta come un Lego, portano a "toccare gli infiniti"

Emily Dickinson_Linkiesta
Facebook

Dunque è possibile. La poesia salva. Mica troppo. Bastano due ore. Tre, diciamo. Tre ore strappate a morsi dalla Storia, poste sulla schiena. Come un vanto, una bandiera, un piccolo Everest sulla spalla destra.

Il gioco nasce per complicità con Silvia Bre, la poetessa. Più tardi, le scrivo. “Oggi un piccolo miracolo. Con gli studenti. Entriamo nella Dickinson: per capire la nostra lingua, dico loro. Giocatela, slogatela, pigliatela a colpi di lingua – poi sarà lei, l’irrimediabile, che ad Amherst ha fatto palestra di Palestina, a ridurre in vetro il vostro parlare e a fare una buca nel luogo più distante del cranio, quella Scizia dell’incerto e dell’ingenuo, dell’intuito, dell’intontito. Poi ci siamo aiutati con le tue parole, come di chi, nel bosco, sa da che lato togliere la cute dagli alberi, e berne, fino al filtro sotterraneo e che direzione dall’astrolabio dell’inverno prendono, predati, i lupi. Così questa bestia maniaca del linguaggio si è rivolta a tutti, ha deciso di mangiare dalle mani aperte di tutti, ciascuno con la sua semenza”. Lei risponde sempre nel modo esatto, e usa Wittgenstein, questa volta, il significato è l’uso. E non c’è altro che questa parola come zappa, come sedia, come stazione – mai come stato. Direi, dialogando con Luca, dopo, di sostituire la parola filologia con fisiologia. Fisiologia del linguaggio.

Dunque, oggi si gioca a fare la Dickinson, a tradurla. Dico agli studenti. Sono pochi, si tratta di una lezione laterale, ‘di recupero’, tre ore una infilzata all’altra. Cerchiamo di capire l’italiano attraversando la sua lingua, dico. Secondo me è più facile: capire se stessi lasciando che un altro ci dica, conoscere il proprio linguaggio traducendo quello di un altro. Per me, almeno, è stato così. Dico grazie all’ebraico antico che mi ha dato questo italiano. Giocare Emily è plausibile. Lo dice anche Silvia, che mi scrive, dichiarandola: “Le parole, ma soprattutto le frasi, sono slogate tra loro, assemblabili a scelta come un lego che fa proliferare i significati in infiorescenze abnormi che poi arrivano, in una paradossale precisione, a toccare gli infiniti”.

Continua a leggere su PangeaNews

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook