proposte
20 Maggio Mag 2019 0600 20 maggio 2019

Gli esercizi per iniziare la settimana con sprint

Se l’energia al risveglio non c’è, bisogna farsela venire. Il modo migliore è quello di dedicarsi all’esercizio fisico di primo mattino. Intenso, se si può

running-lk
da Pixabay

La giornata non comincia quando ci si sveglia, ma quando si inizia a essere attenti, operativi, sul pezzo. Chi si alza stanco e rallentato arriva al lavoro stanco e rallentato. E finisce che il risultato della sua giornata sarà, anche quello, stanco e rallentato. A meno che non faccia, appena alzato, alcuni specifici esercizi di ginnastica.

Non è un mistero: anche la scienza sostiene che un po’ di movimento appena svegli sia un toccasana. L’importante è seguire alcuni consigli. Questi:

Prima di tutto, bisogna fare del buon riscaldamento: in tanti lo sottovalutano e sbagliano. Il riscaldamento è la differenza tra esercizi efficaci ed esercizi inutili (o quasi). Per cui, qualche minuto di stretching o di esercizi aerobici possono bastare: riducono l’affaticamento e aiutano a prevenire eventuali danni.

Poi, si può fare sul serio. Ecco alcuni esercizi aerobici ad alta intensità (senza farsi del male, sia chiaro) con brevi intervalli in mezzo: sono un buon inizio, ma tra una sessione e l’altra, bisogna riposarsi un po’ per recuperare il battito cardiaco giusto.

Sprint e camminata: per dieci minuti, si consiglia di fare uno sprint di corsa veloce di 30 secondi, seguito da 30 secondi di camminata.

Una variante interessante è lo Sprint con camminata su un rilievo. C’è una maggiore resistenza, che aiuta a sviluppare alcuni muscoli in più. In questo caso, si consiglia di correre fino alla cima (non deve essere troppo alto) e poi ridiscendere camminando. Ripetere dieci minuti.

Infine, saltare la corda: è un esercizio perfetto per i muscoli (ne muove tantissimi) si può fare sia dentro che fuori (salvo che i vicini del piano di sotto non protestino) e si possono sperimentare trucchetti vari (il criss-cros, per esempio). In ogni caso, per farlo bene, qui c’è un filmato che dà delucidazioni definitive.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook