lauda
22 Maggio Mag 2019 0600 22 maggio 2019

Niki Lauda, una vita a massima velocità raccontata con un’infografica

Ferrari, McLaren, la gloria del primo posto. E l’incidente. Una vita di fuoco e acqua, combattuta con freddezza e meticolosità, conquistando vittorie su vittorie fino alla fine

 niki-lauda
Jorge Guerrero / AFP

Due campionati vinti con la Ferrari, una con la McLaren. Poi, lo storico incidente a Nürburgring nel 1976, da cui esce salvo ma non illeso per tornare in pista 42 giorni dopo e sfidare quello che, nella vita, era il suo amico James Hunt, in Giappone. Ma dopo due giri si ritira, colpa della pioggia, e Hunt si avvia alla vittoria del Campionato. Un anno di fuoco e acqua, di elementi scatenati contro di lui.

Passerà: nel 1977 vince il secondo titolo con la Ferrari, ma i rapporti si guastano e se ne va. Altro giro, altra curva. Nella chicane degli anni ’80 infila un secondo successo, stavolta a bordo di una McLaren: è il 1984, e la vittoria arriva sgomitando contro Alain Prost.

La fine è vicina: il pilota, definito “computer” per la sua freddezza, la meticolosità del lavoro, l’attenzione del dettaglio e la guida efficace ma non artistica, lascia le corse. È il 1985. La leggenda è finita, comincia la vita.

Questa infografica creata da .stampaprint racconta come se fosse un circuito automobilistico, le tappe principali della vita del campione, curva dopo curva, rettilineo dopo rettilineo.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook