italia al voto
27 Maggio Mag 2019 0850 27 maggio 2019

Amministrative, Firenze e Bergamo restano al centrosinistra, ma Riace passa a destra

I Comuni al voto sono 3.654, tra capoluoghi di regione e piccoli centri. Questo è il nuovo volto dell’Italia delle elezioni locali, dopo la netta vittoria della Lega di Matteo Salvini alle Europee

Elezioni Linkiesta
(FILIPPO MONTEFORTE / AFP)
17:00 Nelle città i sindaci passano al primo turno

Il centrosinistra riesce a eleggere un sindaco al primo colpo a Bari (Antonio Decaro), Bergamo (Giorgio Gori), Firenze (Dario Nardella), Modena (Gian Carlo Muzzarelli). Il centrodestra lo fa a Perugia con Andrea Romizi e a Pavia con Fabrizio Fracassi. Il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi (csx) sfiora la conferma e viaggia a quota 48%, ma sembra destinato a un ballottaggio contro il candidato di centrodestra Roberto Salati, fermo intorno al 29%.

16:50 Riace passa al centrodestra

Le operazioni sono concluse: il candidato sindaco del centrodestra Antonio Trifoli ha vinto le elezioni con il 40% dei voti. La lista guidata dalla ex assessora Maria Spanò, con in lista l’ex sindaco Domenico Lucano, si ferma al 33%.

16:30 Firenze e Bergamo restano al centrosinistra

Ormai data per certa la vittoria del sindaco uscente Dario Nardella a Firenze, di centrosinistra, l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi ne approfitta per twittare. Quella della sua città è «la risposta più forte alla vittoria di Salvini»

Youtrend dà per confermata la vittoria di Giorgio Gori a Bergamo, smentendo le possibilità di un testa a testa tra lui e lo sfidante Stucchi che erano state avanzate alla vigilia:

14:00 Inizia lo spoglio

Arrivano le prime indicazioni dallo spoglio elettorale dei Comuni. Secondo le proiezioni, a Livorno si profilerebbe un ballottaggio tra i due candidati di centrodestra (Andrea Romiti) e centrosinistra (Luca Salvetti), mentre i candidati pentastellati della giunta uscente sarebbero esclusi. Finisce l’epoca dei Cinque Stelle?

A Firenze, invece, le indicazioni sembrano delineare una vittoria tranquilla per il candidato del Pd Dario Nardella, che addirittura avrebbe, secondo alcune proiezioni, il 60% dei consensi.

A Bergamo i primi risultati sembrano riconfermare il sindaco uscente Giorgio Gori (csx) con il 57,9% dei voti rispetto allo sfidante della Lega Giacomo Stucchi, poco sopra il 35%. Una differenza molto superiore alle rilevazioni dei sondaggi.

È partito alle 14 lo spoglio per le elezioni amministrative. Sono andati al voto 3.654 comuni, di cui cinque capoluoghi di regione e oltre 20 città capoluogo di provincia. Sfide chiave a Firenze, Bari, Perugia e Bergamo. In ballo ci sono le grandi città governate dal Pd. In Piemonte si è votato anche per eleggere il nuovo governatore e rinnovare il consiglio regionale. Gli exit poll diffusi ieri davanto Alberto Cirio, candidato del centrodestra, in vantaggio rispetto al governatore Pd uscente Sergio Chiamparino.

Affluenza in calo alle urne. In Piemonte, la partecipazione finale è stata del 63,34%, con un calo rispetto alle precedenti che videro un'affluenza del 66,45%. Per i comuni l'affluenza è stata dal 68,01%, rispetto al 70,98%.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook