Consumi
4 Giugno Giu 2019 0600 04 giugno 2019

Gli italiani? Al supermercato sono più salutisti di quanto si immagini

Secondo l’ultima ricerca dell’Osservatorio Immagino sui consumi degli italiani, è nel mix tra gusto e benessere che va cercata la “cifra” del carrello della spesa medio italiano del 2018. In crescita il consumo di prodotti più salutistici e “free from” e grande attenzione al made in Italy

Carrello Linkiesta

È da record la nuova edizione dell’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy: lo studio, infatti, ha tagliato il traguardo dei 100 mila prodotti rilevati, pari all’81% delle vendite totali canalizzate in Italia da supermercati e ipermercati. Una copertura molto significativa e in continuo aumento, che conferma l’unicità dell’Osservatorio Immagino e che rafforza il suo ruolo nel monitoraggio delle tendenze di consumo nazionali.

«In soli tre anni l’Osservatorio Immagino è diventato il punto di riferimento per chi vuole seguire e misurare l’evoluzione del carrello della spesa in Italia» spiega Marco Cuppini, research and communication director di GS1 Italy. «E questa quinta edizione, ampliata nella base statistica e dedicata al consuntivo del 2018, aggiunge un nuovo importante tassello per capire come sono cambiate le scelte d’acquisto degli italiani nel corso dell’ultimo triennio grazie a un approccio metodologico unico».

Anche nella nuova edizione, l’Osservatorio Immagino è stato elaborato incrociando oltre 100 variabili presenti sulle confezioni dei prodotti di largo consumo con le rilevazioni scanner di Nielsen su venduto, consumo e fruizione dei media: è, quindi, una fotografia che abbina la visione ampia di un’inquadratura grandangolare alla ricchezza di dettagli e sfumature di una foto macro. Infatti, riesce a identificare e a tracciare le macro-tendenze cross-category e ad entrare nel dettaglio dei fenomeni più significativi anche nelle singole categorie, seguendone l’evoluzione, e ad arrivare a cogliere quelli emergenti e ancora di nicchia, che in questa edizione sono evidenziati, anche graficamente, all’interno dei diversi capitoli dell’Osservatorio.

Continua a leggere su TendenzeOnline

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook