nordici
4 Giugno Giu 2019 0600 04 giugno 2019

In Svezia ci sono biblioteche su barca per servire le isole remote (ma rischiano di essere chiuse)

Un servizio regionale che fornisce libri a chi abita in zone lontane e poco accessibili. Ma nonostante sia una forma, anche questa, di democrazia, non è detto che le esigenze del mercato non prevalgano

navi-lbri
da Maxpixel

Passa due volte all’anno, ma si trattiene una settimana. È la nave-biblioteca che fa la spola tra le 27 isole dell’arcipelago di Stoccolma. Porta con sé libri, li lascia in prestito e torna a riprenderli o a scambiarli dopo sei mesi. A volte, dicono, certi libri non tornano più indietro. Ma non è un problema: diffondere l’amore per la lettura (e a volte anche per la cultura) è una delle missioni della bokbåten.

Nessuno si stupisce di vederla girare, soprattutto in uno dei Paesi europei, la Svezia, dove il tasso di libri letti è tra i maggiori in Europa (e, di conseguenza, del mondo). Il passaggio in barca appare necessario per raggiungere le zone più lontane e isolate del Paese, ed è una tradizione che va avanti dal 1953. Per tutte le persone che abitano nelle isole svedesi la library boat è l’unico mezzo per accedere a un servizio pubblico di lettura. In più fornisce anche un asset che va oltre i libri: i bibiliotecari.

Eppure, non tutto funziona. Per esempio, il futuro delle biblioteche galleggianti è a rischio. “Se la bilbioteca della Regione deciderà di non versare ulteriori fondi, allora non potremo più permetterci questa barca”, spiega Maria Anderhagen, coordinatrice di questo servizio. Il problema è che, senza dubbio, dal punto di vista del mercato, il mezzo non funziona. E i segnali inquietanti sulla questione sono già arrivati: in Finlandia il governo ha speso 100 milioni per una splendida nuova biblioteca in centro, ma ha deciso di tagliare un analogo servizio di biblioteche galleggianti. Accadranno anche in Svezia? La biblioteca regionale di Stoccolma ha già detto che la barca è “democrazia”, e non hanno intenzione di tagliare. Ma chissà se anche le altre bibiloteche regionali, che versano in situazioni finanziarie diverse, seguiranno il suo esempio.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook