zac
8 Giugno Giu 2019 0600 08 giugno 2019

Un taglio particolare: ecco il parrucchiere che per accorciare i capelli usa una katana

Tecniche antiche riutilizzate nel centro di Madrid. I clienti sono soddisfatti per il servizio, il trattamento e il risultato. Anche sul prezzo, poi, non c’è da ridire. E anche se ci fosse, è meglio non mettersi a discutere

capelli-linkiesta
da Youtube

Si chiama Alberto Olmedo, lavora a Madrid come parrucchiere dalle parti dela fermata di Colonia Jardin ed è famoso per il suo stile di taglio particolare. Anziché le forbici, usa una katana.

È uno dei servizi speciali che è in grado di offrire nel suo salone, insieme ad altri tagli poco comuni, come quello con il fuoco. Quando i clienti non sono in vena di bizzarrie, però, è bravo anche con le semplici, classicissime forbici.

Il suo metodo, che si può vedere all’opera nel video sottostante, consiste nel far piegare all’indietro il malcapitato, cioè il cliente, in modo da tenere i capelli sciolti, lunghi e sospesi in aria. A quel punto, con tagli netti e veloci (può usare anche due spade, se serve), sfoltisce la capigliatura. “Mi sembra un buon sistema per eliminare solo la parte rovinata del capello”.

Il capello viene scalato e regolato in modo “più preciso di quanto avvenga con altri strumenti”.

Chi pensasse che (questa poi!) lo stile di Olmedo sia una novità, dovrà ricredersi: si tratta, sostiene il parrucchiere di tecniche utilizzate nel Medioevo. “Ero molto interessato a come avvenissero i tagli in quella epoca”. Ciò che ha scoperto ha deciso di metterlo in atto.

Chi fosse interessato, allora, a una spuntatita un po’ originale non ha che mettersi in contatto e prenotare una visita. Sappia però che Olmedo, nel suo studio, non è (più) l’unico in grado di eseguire questi tipi di tagli anche i suoi sei dipendenti, compresa la moglie, hanno appreso la tecnica. E oltre alle katane e al fuoco, usano anche coltelli, spadoni e artigli artificiali.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook