studi
10 Giugno Giu 2019 0600 10 giugno 2019

La scoperta: le noci di macadamia del mondo risalgono a un singolo albero australiano

È il risultato di una ricerca che ha messo a confronto vari campioni genetici. Secondo un confronto con le cronache del XIX, si sarebbe riusciti a scoprire anche da dove provenivano i semi originari

macadamia-lk
da Pxhere

Una ricerca recente ha sconvolto il mondo, altrimenti piuttosto placido, degli studi sulla noce macadamia commerciale. Gli scienziati della Southern Cross University hanno scoperto che il 70% degli esemplari del mondo originano da un singolo albero (forse due) che si trova nel villaggio di Gympie, nel Queensland, in Australia.

Lo studio, pubblicato qui, ha messo a confronto diversi campioni di dna tratti dagli alberi di noce macadamia del Queensland con quelli delle noci commerciali in circolazione, che sono coltivate in gran parte alle Hawaii. Risultato: sono imparentati tra di loro. I marcatori genetici hanno dimostrato un’affinità particolare con quella di un gruppo di alberi selvatici della zona di Gympie. E la conclusione, logica, è scaturita da sola. Qualcuno, hanno dedotto gli scienziati, deve avere portato qualche seme di queste piante nelle isole Hawaii, più o meno intorno alla fine del XIX secolo.

Dopo una rapida ricerca bibliografica si è potuto perfino ipotizzare che si trattasse del campione che un certo Robert Jordan aveva portato con sé in un viaggio dal Queensland alle Hawaii, piantandole nel giardino della casa del fratello a Honolulu. Siamo nel 1896.

Da quel campione, insomma, sarebbero sorti tutti gli altri alberi di noce macadamia dello Stato americano. Va ricordato che, per la sua speciale peculiarità, la macadamia commerciale si riproduce solo per innesto: questo la rende più debole e fragile di fronte al cambiamento e alle malattie – tutt’altra cosa è invece la ricca diversità genetica della macadamia selvatica, che domina le zone del Queensland.

Del resto l’Australia ha una tradizione culturale di grande affetto legata a questa pianta. L’esemplare più antico ancora vivente, per esempio, è custodito nei giardini botanici di Brisbane (risale al 1858) e la noce appartiene alla lista delle 50 Big Things che hanno fatto grande il Paese – e che il Paese ha riprodotto, in forma artificiale, con sculture grandi.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook