miracoli
15 Giugno Giu 2019 0600 15 giugno 2019

Ecco l’orchestra fatta con materiali raccolti da una discarica. E per questi bambini è la via di salvezza

Cateura, in Paraguay, è un villaggio di baracche costruito in cima a un’enorme discarica. Qui ogni giorno vengono consegnate 1.500 tonnellate di rifiuti. Chi ci vive vicino ha imparato a trarne il meglio possibile, addirittura costruendo degli strumenti musicali (che suonano davvero)

orchestra-recycled
da Youtube

Un’orchestra fatta di scarti non significa che è composta da musicisti di scarso valore. In questo caso, almeno, vuol dire che gli strumenti sono stati tutti ricavati dalla spazzatura, recuperati da pezzi senza valore e poi composti o ricomposti.

È il tema di questo splendido documentario, in cui la musica classica fa rivivere (è il caso di dirlo) gli oggetti e le cose scartate, buttate via e le ricicla trasformandole in strumenti musicali. Merito del tecnico paraguaiano Favio Chávez, che si è servito dei rifiuti vicini nella città-discarica di Cateura per ricavare la materia prima per i primi strumenti. Li ha poi donati ai bambini delle zone vicine e ha creato un’orchestra. Che è diventata famosa come Recycled Orchestra.

Per capire come suonano questi strumenti, basterà guardare il trailer del documentario. Qui si vede un violoncellista che esegue, sul suo violoncello fatto con una lattina di benzina e legno di scarto, il preludio della Suite per Violoncello numero 1 in Sol di Bach. Una meraviglia.

“La mia vita senza musica non avrebbe senso”, aggiunge una bambina, che appare poco dopo. Lei studia violino e le lezioni rappresentano l’unica via di fuga da un paesino costruito in cima a una discarica, dove ogni giorno arrivano 1.500 tonnellate di nuovi rifiuti, ad aggiungersi a quelli vecchi.

Per non soffocare, allora si lascia scivolare un archetto, chissà ricavato da cosa, su corde e pezzi di rottami riciclati, che insieme diventano una nuova cosa. Una melodia.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook