scoperte
24 Giugno Giu 2019 0600 24 giugno 2019

Fermi tutti: anche dormire troppo può far male alla salute

Superare le sette/otto ore canoniche ha effetti negativi sul corpo e sulle capacità cognitive e decisionali. In questi casi è meglio rimandare a giorni successivi le scelte importanti

sonno-lk
da Pxhere

Il sonno in eccesso? È un lusso che possono concedersi solo Roger Federer e pochi altri supersportivi. Per loro 12 ore di sonno sono il giusto: fanno bene e permettono loro di recuperare le energie spese negli allenamenti. Tutti gli altri, cioè la stragrande maggioranza della popolazione mondiale, deve adeguarsi alla consueta routine delle sette/otto ore al giorno. Non di meno (altrimenti si accumula stanchezza – e non credete a chi dice, come Lotito, di dormire solo tre ore per notte) e non di più. Perché, si è scoperto, che troppo sonno non è innocuo.

Secondo una ricerca della Western University dell’Ontario pubblicata nel 2018 dormire più del dovuto peggiora le capacità cognitive. Il test, cui hanno preso parte 10mila volontari (e se si vuole si può ancora partecipare, iscrivendosi qui ), prevedeva una prima parte di sonno, più o meno disordinato, e poi un questionario da compilare. Chi sbagliava di più erano le persone che avevano fatto meno e più di otto ore di riposo.

“Non è vero che più si dorme e meglio è”, spiega uno degli scienziati che ha condotto la ricerca. “Anzi, la situazione può essere descritta come una curva a U rovesciata. Bisogna prendere il punto giusto”. Dormire più del giusto crea uno stordimento generale chiamato “inerzia del sonno”, che dipende, almeno in parte, dal ciclo di sonno in cui si è quando ci si sveglia. È una condizione che può influenzare i ragionamenti e i processi decisionali successivi. “Non si fanno scelte di vita pochi minuti dopo essersi alzati”, spiegano. Ci si limita a cose base: cosa mangiare, cosa indossare, come andare al lavoro. Altrimenti si rischia di sbagliare. “Se avete dormito troppo mi permetto di consigliare”, continua lo scienziato, “di rimandare le decisioni più importanti al giorno successivo”.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook