Usa 2020
28 Giugno Giu 2019 0600 28 giugno 2019

A Biden piace mangiare pasta al pomodoro. Ecco il grande scoop della stampa anglosassone

Il candidato democratico avrebbe un menù fisso che chiede per contratto dopo ogni suo discorso pubblico. Anche adesso che è in campagna elettorale

biden
Logan Cyrus / AFP
Logan Cyrus / AFP

Di sicuro non è rivoluzionario. Anzi, è abitudinario. Il candidato democratico alla Casa Bianca ed ex vicepresidente Joe Biden, ha un menù tutto suo che chiede come compenso per i suoi discorsi (insieme ai tanti soldi). Sono preferenze ormai cristallizzate che, addirittura finiscono anche nei dettagli dei contratti.

Il giornalismo anglosassone migliore è riuscito a scoprirne i dettagli e, sorpresa sorpresa, viene fuori un gusto molto italiano.

Per primo Joe Biden vuole pasta. Per la precisione, capelli d’angelo con sugo al pomodoro. A seguire una caprese, in nome della freschezza. Chiude tutto un sorbetto al lampone con biscotti croccanti. Una notizia, visto che a quanto pare Biden, fino a poco tempo fa, era un grande appassionato di coni gelato.

Da bere? Coca-Cola zero (sì, proprio come Donald Trump), poi Coca-Cola normale, un goccio di Gatorade all’arancia e caffè nero.

Il tutto, viene puntualizzato, va servito nel suo camerino. Perché, a quanto pare, Biden quando mangia vuole stare in santa pace. E ha anche ragione.

Nel pezzo del Washington Post (linkato qui) si segnala che questo standard valeva per i suoi speech dati negli ultimi anni in giro per gli Stati Uniti. Ma le abitudini non sarebbero cambiate, e lo stesso menù viene fornito anche dopo ogni incontro elettorale della sua campagna per le presidenziali 2020. La differenza è che stavolta pagano gli sponsor, insieme alle “suite negli hotel, le auto con conducente, i voli e i rimborsi spesa”. Non male da parte del candidato che, qualche anno fa, diceva con soddisfazione di essere il senatore più povero di tutti.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook