mafie e migranti
3 Luglio Lug 2019 0700 03 luglio 2019

False Onlus, non diciamo fesserie: la vera emergenza è la ’ndrangheta, non i migranti

Salvini e i giornali di centrodestra parlano di retata di buonisti. In realtà l'inchiesta della procura di Milano racconta l'ennesima infiltrazione delle mafie al nord. Che i decreti sicurezza, invece di combattere, finiscono per incentivare

Salvini_Migranti_LInkiesta
Dalla pagina Facebook di Matteo Salvini

No, non è stata una retata di buonisti come ha erroneamente titolato “Il Giornale”. E nemmeno è, come ha dichiarato il ministro dell’interno Matteo Salvini, il pretesto perfetto per dare “meno soldi per i professionisti dell’accoglienza”.
Al contrario, l’inchiesta “Fake Onlus” della Procura di Milano, che ha portato all’arresto di undici persone con l’accusa di associazione per delinquere, truffa allo Stato e autoriciclaggio è una retata di presunti mafiosi. Ma soprattutto è la spia della vera emergenza italiana connessa al fenomeno dell’immigrazione: non quella degli sbarchi, ma quella dell’accoglienza e dell’integrazione. Un’emergenza aggravata, non risolta, dalle ultime scelte del governo gialloverde. Che ha eliminato i bandi Sprar, che provavano a conciliare accoglienza e integrazione, lasciando campo libero ai soli bandi delle prefetture. E che, tagliando le risorse a disposizione, sta favorendo le realtà che vincono grazie a offerte al massimo ribasso, talvolta legate a doppio filo alla criminalità organizzata. Come le finte onlus che, stando alle ipotesi degli inquirenti, facevano finta di occuparsi di migranti, mentre invece aiutavano gli affiliati alla ‘ndrangheta - la grande emergenza italiana, ben più di qualche migliaia di migranti - ad uscire di galera.

In assenza di progetti Sprar, i richiedenti asilo in Italia vengono smistati dalle prefetture, che emettono bandi. Soldi facili. E infatti la ’ndrangheta, fiutato il business, ci si è buttata a capofitto

Partiamo dall’inizio, però. Perché per capire i reati contestati bisogna partire da come funziona il sistema. In assenza di progetti Sprar, i richiedenti asilo in Italia vengono smistati dalle prefetture, che emettono bandi pubblici finalizzati a scegliere la struttura più adeguata a ospitarli. Si tratta di soluzioni del tutto temporanee, in cui di accoglienza non si parla nemmeno tra le righe, finalizzate a ospitare i migranti fino a che un giudice non confermi o meno il loro status di rifugiati. Vince chi offre di meno, in questi casi. E infatti non sono infrequenti i casi in cui i migranti sono finiti stipati in ruderi senza alcun servizio, ospiti di cooperative sociali che fino al giorno prima si occupavano di edilizia, o magari nemmeno esistevano. Soldi facili, facilissimi. Secondo gli inquirenti, su 7 milioni erogati dallo Stato, le false onlus dell’inchiesta se ne tenevano quattro. E infatti la ’ndrangheta, fiutato il business, ci si è buttata a capofitto.

Altro sarebbe stato se al posto dei bandi delle prefetture ci fossero stati i bandi Sprar, quelli che il governo ha ridotto ai minimi termini e che solo 2600 comuni su 8000 hanno adottato in Italia, nonostante sia il modo più semplice ed efficace per minimizzare i costi sociali connessi all’arrivo dei migranti e per vigilare su eventuali truffe ai danni dello Stato. Non solo: prevedendo programmi di integrazione attraverso il lavoro, i bandi Sprar sono l’unica via per evitare che tutto il business dell’accoglienza finisca in mano a realtà interessate solo a fare offerte al ribasso e a fare il massimo dei profitti, sulla pelle di uomini e donne che sono passati dall’inferno. Che è quel che fa la ’ndrangheta, a quanto pare. Che già che c’è, usa quelle false onlus per tirare fuori dal carcere i propri affiliati, attraverso l’assunzione nella cooperativa come pena alternativa, in quanto attività socialmente utile.

La ‘ndrangheta non solo è presente al Nord, ma ha trovato modo di far soldi pure nel terzo settore, sulla pelle dei migranti, coi soldi pubblici. Non vi preoccupa?

Ecco: forse questo un tweet l’avrebbe meritato. Che la ‘ndrangheta non solo è presente al Nord, ma ha trovato modo di far soldi pure nel terzo settore, sulla pelle dei migranti, coi soldi pubblici. Che ormai è potenzialmente ovunque, anche dove non ce l’aspetteremmo mai. E che buona parte del risentimento sociale e della percezione d’insicurezza delle persone deriva anche dall’incapacità di proteggere le politiche sociali dal malaffare. Di questo, i paladini della legalità a tinte gialloverdi - siano essi i leghisti che hanno passato giorni a fare la morale a Carola Rakete, o i Cinque Stelle che fanno la morale a tutti dalla loro fondazione - avrebbero potuto spendere due parole. E invece si preferisce, al solito, fare la guerra ai migranti e stare zitti sulle mafie. Niente di nuovo sotto il sole.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook