Consumi
9 Luglio Lug 2019 1500 09 luglio 2019

Il codice a barre? Un vero e proprio albero genealogico

Con i suoi sei miliardi di bip al giorno, il barcode non è mai stato così in salute come oggi. E con le sue evoluzioni è in grado di raccontare la storia completa di un prodotto. Tracciabilità all’ennesima potenza

Vino_Linkiesta
Photo by Christiann Koepke on Unsplash

All’alba del secondo millennio qualcuno, sull’onda dell’introduzione delle tecnologie a radiofrequenza, aveva supposto che il codice a barre sarebbe andato in pensione. Oggi, a distanza di quasi vent’anni possiamo dire che il barcode, con i suoi sei miliardi di bip al giorno, non è mai stato così in salute. Basato su una tecnologia solida, semplice e affidabile, garantisce la massima efficienza operativa ed è la chiave più semplice per identificare i prodotti su scala globale, grazie allo standard GTIN®.

E con le sue evoluzioni più importantiGS1 DataBar® e GS1 Digital Link – è pronto ad affrontare le nuove sfide del business contemporaneo.

Con GS1 DataBar il codice a barre non si limita a descrivere il prodotto, ma mette a disposizione uno strumento in grado di narrare la storia e la vita di ogni singola unità di prodotto. Tracciabilità, data di scadenza, numero del lotto di produzione sono le informazioni aggiuntive contenute nel barcode e si trasformano da statiche in dinamiche. Le implicazioni per le imprese e per i consumatori sono stupefacenti. Si può risalire all’origine del prodotto a partire dai suoi ingredienti e dalle materie prime, si possono richiamare i prodotti difettosi in caso di necessità arrivando al singolo acquirente incrociando i dati con la carta fedeltà, si può controllare alle casse che il consumatore non acquisti un prodotto scaduto. E, è il caso reale negli ipermercati Iper, con l’integrazione con le etichette elettroniche i prezzi di vendita diventano dinamici e si abbassano all’avvicinarsi della data di scadenza, per ridurre o eliminare lo spreco alimentare. Con il DataBar siamo ancora nell’ambito “core” della nostra missione: contribuire all’efficienza del sistema.

Continua a leggere su TendenzeOnline

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook