Il Bel Paese
19 Luglio Lug 2019 1502 19 luglio 2019

Gimme 5 e Turbolento: insieme per salvare le “strade zitte” dei Navigli di Milano

L'app Gimme5 nata per gestire e investire in modo semplice i propri risparmi e l'associazione sportiva Turbolento hanno stretto una partnership per valorizzare insieme i percorsi ciclistici più belli d'Italia: le "strade zitte"

Turbolento_Linkiesta
Turbolento

Sono piccole strade di campagna e montagna. Silenziose, sperdute e fuori dalle strade statali e provinciali. In Italia esistono tante “strade zitte”, ideali per godere di panorami mozzafiato, trattorie gustose e aria fresca. Ma potrebbero essere molte di più. Per ampliare la rete di itinerari ciclistici fatti su misura per un turismo di relax Turbolento e Gimme5 promuovono la raccolta fondi “Salva la tua Strada Zitta”. Il progetto consentrà agli iscritti su Gimme5 di supportare finanziariamente associazione sportiva Turbolento Cycling Club nella riqualificazione dei percorsi ciclabili sul Naviglio milanese.

Per contribuire basta registrarsi sul “salvadanaio digitale” Gimme5 utilizzando il codice promo “STRADEZITTE2019”. Sull’account sarà subito caricato un welcome bonus di 5 euro. A sua volta il progetto “Strade zitte” riceverà 5 euro di donazione da parte di Gimme5. L’obiettivo della raccolta è quello di far crescere i contenuti on-line della rete italiana di percorsi di qualità per il turismo ciclistico. Le Strade Zitte richiedono manutenzione e aggiornamenti costanti dei contenuti.

L’obiettivo è ambizioso: raccogliere 25.000 euro entro il 30 novembre 2020. Ogni ogni 120 giorni Gimme5 renderà conto degli avanzamenti della raccolta e delle relative spese che saranno sostenute a partire dal prossimo 30 settembre. Nel 1999 sono nate le prime Strade Zitte nell’area dei Navigli nel sud-ovest milanese, tra il Parco Agricolo Sud Milano e il Parco del Ticino. Oggi si può pedalare sulle Strade Zitte di Sicilia, Sardegna, Basilicata, Salento, Liguria, Emilia-Romagna, Toscan da Milano a Roma con il lungo percorso a tappe MiRò, o da costa a costa, con la “Chase the Sun”.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook