temperature
31 Luglio Lug 2019 0600 31 luglio 2019

Risposte definitive: perché dormire con il ventilatore acceso fa male alla salute

Nonostante la tentazione sia grande, la cosa migliore è non rischiare. I danni al collo, alla pelle, al naso sono tantissimi. E di fronte alla calura si può solo resistere

ventilatore
Da Flickr, Di Mrehan

Come ogni estate, insieme alle zanzare e al caldo, arriva anche il vecchio ma mai risolto dibattito: dormire con il ventilatore acceso fa bene o fa male?

Per Mark Reddick, esperto di sonno di Sleep Advisor, la risposta è salomonica: dipende. In entrambi i casi ci sono sia vantaggi che svantaggi. Tra i primi c’è la temperatura della stanza sotto controllo, la continuo ricircolo dell’aria e il rumore stesso del ventilatore, che aiuta molte persone a dormire.

Tra i secondi c’è però il rischio di aumentare le allergie, dal momento che polvere e pollini vengono sparati addosso dalle ventole e vanno a colpire le mucose del naso a ritmi elevanti. Nonostante le stanze possano essere pulite e spolverate, c’è sempre un quantitativo di polvere che rimane in circolazione, soprattutto, “quella che si deposita sulle ventole stesse”, pronta a volare non appena il macchinario viene acceso.

Ma non solo: è dannoso anche il continuo flusso di aria secca, che può irritare la gola, la pelle e gli occhi. Per la stessa ragione è dietro l’angolo anche il rischio sinusite: “La secchezza dell’aria provoca, come reazione, una maggiore produzione di muco nelle vie aeree”. Questo aumenta il rischio di costipazione, che alla lunga porta a dolori lungo tutto il tratto. E soprattutto, al mal di testa.

E ancora: l’aria fresca concentrata influisce anche sulla muscolatura, aumentando il rischio di crampi e di torcicollo, peggiorando in modo sensibile il sonno e la salute.

Insomma, di fronte a questa calura che ci attanaglia sembra che non ci sia nessun rimedio possibile che non abbia conseguenze negative. O meglio, qualcosa si può fare: o si parte per luoghi più freschi (chi può) oppure si decide di sopportare. Come ogni anno, anche questa ondata se ne andrà.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook