pensarci bene
1 Agosto Ago 2019 0600 01 agosto 2019

E se fosse colpa dei capi? Quattro errori gravissimi che commette chi dirige una impresa

Il rapporto con dipendenti e sottoposti è complicato e irto di incognite. Il bravo leader è quello che sa pensare con la testa degli altri, senza perdere il contatto con la propria

essere-leader
Pixabay

Secondo uno studio di Gallup (molto citato), solo il 15% delle persone dichiara di essere coinvolto o molto coinvolto sul luogo di lavoro. Il 70%, al contrario, confessa di non andare ogni mattina pronto a dare il meglio. Un atteggiamento negativo che, alla lunga, va a danneggiare l’azienda e che, secondo i vertici, è da ricondurre alla sfrontata svogliatezza dei dipendenti. E se invece il problema fossero i capi?

Secondo questo articolo pubblicato a Entrepreneur, sono tanti gli atteggiamenti sbagliati messi in atto da chi comanda. Vanno a minare il rapporto con i sottoposti, rovinano la fiducia che i lavoratori nutrono in se stessi e nell’azienda, avvelenano il clima lavorativo. Non ci sarà da stupirsi allora se il risultato sarà disastroso. Nessuno vorrà lavorare più di quanto ritenuto necessario e sufficiente.

Ad esempio, uno dei comportamenti più pericolosi è quello di stare sulla difensiva quando i sottoposti esprimono delle critiche. È una delle scelte più sbagliate che si possano fare. Se il dipendente esprime un parere motivato, si basa in primo luogo su sensazioni e sentimenti personali autentici. Ignorarli o sottovalutarli significa, in ultima analisi, non considerare importante il loro modo di vedere e immaginare le cose cui si lavora. Non sono più “collaboratori”, nel senso più ampio del termine, cioè persone che lavorano insieme per raggiungere un risultato, ma semplici addetti a un servizio deciso per loro. Accettare il loro punto di vista significa valorizzare la loro personalità.

Altro errore è dare feedback su progetti non esaminati bene. Può capitare che, tra i mille impegni di un capo, si prenda sottogamba la revisione del lavoro dei sottoposti, con letture veloci e superficiali. Il risultato sarà un feedback che dirà di fare cose già fatte, o che risulterà così lacunoso da far perdere ogni credibilità da parte di chi, in quel lavoro, ci ha impiegato tempo e fatica. Si rischia in quel modo di sminuire il contributo dei dipendenti, lasciando passare un messaggio esiziale: il tuo lavoro non conta.

Più o meno collegato è, invece, l’atteggiamento di fornire indicazioni fondamentali per un lavoro dopo che questo lavoro è stato fatto. Qui non è in gioco qualche sottile gioco psicologico tra sottoposto e non sottoposto, ma solo la reputazione del capo: viene meno al suo ruolo di decisore e di organizzatore. L’immagine che darà sarà quella di un manager inaffidabile e poco serio. Qualcuno da cui stare alla larga.

La stessa cosa accade se si dà per scontato che le motivazioni, la visione e le ispirazioni siano le stesse per tutti. Questo è uno dei punti di frizione maggiore: “È facile assumere che la visione del capo sia quella che dà ispirazione anche a tutti gli altri. Non è così”. Alcuni forse la condividono, altri invece vogliono solo un aumento di stipendio, altri ancora vogliono solo perfezionare alcune abilità tecniche o di gestione. Ognuno, insomma, fa per diversi motivi. Per questa ragione il capo che insiste sulla sua visione delle cose contribuisce a distaccare i suoi sottoposti. Ne ignora i profondi desideri ma li considera comunque secondari. Per questo occorre muoversi con prudenza. Con azioni di convincimento, di motivazione e di avvicinamento.

Essere bravi capi non è difficile perché si fanno cose difficili. È duro perché bisogna sempre pensare con la testa di altre persone. Senza mai perdere il contatto con la propria personalità.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook