miracoli
14 Agosto Ago 2019 0600 14 agosto 2019

È morto da 127 anni ma continua a ricevere posta. Perché i lettori coltivano ancora il mito di Rimbaud?

Il poeta francese è seppellito a Charleville-Mézières, nella zona delle Ardenne. Vicino alla sua tomba c’è anche una cassetta delle lettere dedicata a lui. In tanti gli scrivono, molti si confidano, alcuni vengono anche in visita

rimbaud
da Flickr, di Jeanne Menjoulet

Gli arrivano più o meno due o tre lettere alla settimana. A volte anche pacchi. Eppure Arthur Rimaud è morto da ben 127 anni. Chi si occupa della sua posta, come si scrive qui, è il guardiano del cimitero occidentale di Charleville-Mézières, ai piedi delle Ardenne, dove il celebre poeta francese riposa da più di un secolo. “Sono il suo tutore”, scherza.

Lui non esiste più, ma la corrispondenza è tanta. C’è chi scrive poesie, chi invia sfoghi sentimentali, chi dedica idee e sentimenti. “Al mio Rimbange (crasi tra Rimbaud e ange, angelo), a te per tutta la vita”, dice uno. “Rimbaud: anche se non ci sei, sappi che ti amerò sempre”, confessa una seconda fan. Un’altra ancora promette al poeta “il cielo e l’alba”. E c’è chi si lascia andare e racconta i propri problemi esistenziali. Una certa Allison si lamenta: “Sono una tua fan ma non ho mai ricevuto risposte alle mie lettere. Comincio a spazientirmi”.

Cosa spinge le persone a scrivere lettere a un poeta morto da decenni? Di sicuro il mito, l’aura di ribelle prodigioso, la scomparsa prematura (ma non giovanissimo), lo spirito libero. E il fatto che fosse, tutto sommato, un Jim Morrison del XIX secolo.

Del resto, sono in tanti anche quelli che vengono a visitare la sua tomba, da tutte le parti del mondo, e si soffermano a parlare, a riflettere. Alcuni scrivono poesie, altri lasciano ricordi e regali per il poeta. Un vero e proprio culto, anche abbastanza recente.

Il rapporto tra Rimbaud e Charleville-Mézières del resto era complicato. Il poeta odiava la città, e la città di rimando ignorava il poeta. Poi, una volta che è stato fiutato l’affare, ha cominciato a trasformarsi in un vero e proprio centro di adorazione di Rimbaud. “Quando ho cominciato a lavorare qui, 37 anni fa”, spiega il guardiano del cimitero, “mi avevano detto che nessuno viene per vedere la tomba di Rimbaud”. Le cose sono cambiate.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook